Storia

I piccoli “miracoli” di Santa Rita

461
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ci sono miracoli riconosciuti da Santa Romana Chiesa e ci sono “miracoli” certamente più pagani che però i devoti tendono comunque ad attribuire ad un santo.

È il caso di Santa Rita da Cascia, una delle sante più amate a Torino dove c’è un santuario e un quartiere a lei dedicato.

Proprio in questo quartiere, da alcuni anni a questa parte, si verificano circostanze che se non possono essere definite miracoli non possono nemmeno essere liquidate come casualità.

Più di una volta infatti è accaduto che qualche abitante di Santa Rita abbia deciso di tentare la sorte e la dea bendata proprio nel giorno, il 22 maggio, in cui viene celebrata la santa umbra o nei giorni vicini e sia stato ricompensato da vincite molto spesso milionarie.

Che una santa, da cui solitamente ci si aspettano guarigioni miracolose e sensazionali, decida di premiare la devozione di questo o quel fortunato con una pioggia di vile denaro è forse circostanza che farà storcere il naso ai cattolici più ferventi ed anche alle gerarchie ecclesiastiche. Sta di fatto però che il “miracolo” non è stato episodico, non si è verificato soltanto una volta ma diverse volte nel corso degli anni.

Per quanto si possa essere realisti e razionali risulta piuttosto difficile non vederci dietro segni mistici.

Nel quartiere molti conoscono questa storia e forse segretamente accarezzano il sogno di essere i prossimi fortunati baciati dalla dea bendata, pardon, dalla santa. E magari qualcuno spera anche di bissare la vincita di tre anni fa, quando un’anziana signora (ancora oggi non se ne conosce l’identità) giocando 5 euro ne vinse 500mila.

Da quel momento non ci sono più state vincite esorbitanti ma più d’uno ammette di aver giocato o comprato il gratta e vinci nei giorni vicini al 22 maggio e di aver vinto qualcosa.

Vincite anche piccole subito attribuite alla benevolenza della Santa per il quartiere che l’ha sempre celebrata con affetto.

Alessandro Porro

Tag
461

Related Articles

461
Back to top button
Close
Close