Home Animali Porte aperte al Canile di Torino: si potranno adottare cani e gatti...

Porte aperte al Canile di Torino: si potranno adottare cani e gatti in cerca di famiglia

Porte aperte al Canile di Torino: si potranno adottare cani e gatti in cerca di famiglia
Porte aperte al Canile di Torino: si potranno adottare cani e gatti in cerca di famiglia
Tempo di lettura: 1 minuto

Porte aperte al Canile di Torino: si tratta di un’iniziativa grazie a cui si potrà visitare la struttura, vedere e adottare cani e gatti in cerca di una famiglia

Domenica 8 settembre il Canile di Torino aprirà le sue porta al pubblico per far visitare la struttura, nonché vedere e adottare cani e gatti in cerca di una famiglia.
Porte aperte al Canile di Torino: si potranno adottare cani e gatti in cerca di famiglia
Porte aperte al Canile di Torino: si potranno adottare cani e gatti in cerca di famiglia
E sarà solo la prima di tante domeniche.
Si tratta di un’iniziativa volta a sensibilizzare l’adozione dei quattro zampe.
 
Infatti, come ha spiegato l’assessore comunale all’Ambiente Alberto Unia, il Canile Rifugio del Comune di Torino, in strada Cuorgnè 139, aprirà al pubblico una domenica sì e una no.
 
In pratica, i visitatori potranno recarsi al Canile ogni quindici giorni dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle 17.30.
 
L’assessore ha anche spiegato che si tratta di un evento che si inserisce in una serie di iniziative che hanno l’obiettivo di sensibilizzare sul tema dell’adozione dei nostri amici a quattro zampe.
 
Il prossimo giovedì 19 settembre, invece, è in programma l’incontro “Alieni da compagnia”.
 
Anche un questo caso si tratta del primo appuntamento di una lunga serie, dove ad essere protagonisti saranno gli animali da compagnia considerato come “non convenzionali”, come ad esempio le tartarughe.
 
Dunque, l’amministrazione comunale è sensibile al tema delle adozioni nei canili e in virtù di ciò promuove numerose iniziative dedicate al tema. 
Correlato:  Le farmacie di Torino potranno rilasciare i certificati dell'anagrafe: addio code agli uffici comunali