Mole24 Logo Mole24
Home » Cronaca di Torino » Turismo a Torino nel 2023: una crescita superiore al 14%

Turismo a Torino nel 2023: una crescita superiore al 14%

Da Alessandro Maldera

Febbraio 23, 2024

Il settore turistico a Torino nel 2023 registra una crescita significativa, come sottolineato dai dati sulle tasse di soggiorno. La città ha registrato un aumento del 14,2% rispetto all’anno precedente, superando di un punto percentuale la media nazionale. Questo trend positivo è stato favorito dalla presenza di importanti eventi sportivi e musicali, che hanno attirato un gran numero di visitatori.

Turismo in Italia

L’andamento del settore in Italia nel 2023 è stato altrettanto positivo. Le entrate generate dalle tasse di soggiorno hanno superato le previsioni iniziali, raggiungendo la cifra di 702 milioni di euro, con una crescita del 13,4% rispetto all’anno precedente.

Richiami Prodotti Italia App

Turismo a Torino nel 2023, ottime prospettive

Torino rappresenta una quota significativa del turismo nella regione del Nord Ovest, che comprende Liguria, Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta. La città contribuisce all’8% delle entrate totali della regione e all’1,4% delle entrate totali dell’Italia. Questi numeri dimostrano l’importanza di Torino come destinazione turistica e la sua capacità di attrarre visitatori da tutto il paese.

Il ruolo degli alberghi nella crescita del turismo a Torino

Gli alberghi continuano a essere i principali contribuenti al settore al Turismo a Torino nel 2023. L’anno scorso, il numero di pernottamenti negli alberghi della città ha superato i 2 milioni, registrando un aumento significativo rispetto all’anno precedente. Le tasse di soggiorno versate dagli alberghi si avvicinano ai 7 milioni di euro, con una crescita del 10,5% rispetto all’anno precedente. Le 163 strutture alberghiere presenti in città contribuiscono al 70% delle entrate totali generate dal settore.

Strutture extra alberghiere e locazioni brevi

Anche le strutture extra alberghiere stanno registrando una crescita significativa a Torino. Queste includono ostelli, bed and breakfast, affittacamere e case vacanze che operano con licenza rilasciata dal Commercio e che offrono servizi di ricezione turistica. Torino conta attualmente su 403 di queste strutture, che hanno registrato oltre 350.000 pernottamenti e incassato tasse di soggiorno per 667.000 euro, con una crescita del 5,8% rispetto all’anno precedente.

In particolare, le locazioni brevi turistiche, come gli alloggi Airbnb, stanno vivendo una crescita significativa. Anche se il numero esatto di alloggi disponibili non è ancora definitivo, si stima che ci siano circa 5.665 alloggi Airbnb a disposizione dei turisti. Nel 2023, le locazioni brevi hanno generato oltre 235.000 pernottamenti in case private, con un aumento di circa 644 pernottamenti al giorno rispetto all’anno precedente. Le entrate derivanti dalle tasse di soggiorno delle locazioni brevi sono aumentate del 30,8%, raggiungendo la cifra di 2.257.000 euro.

Alessandro Maldera Avatar

Alessandro Maldera

Giornalista, ha collaborato per molti anni con testate giornalistiche nazional e locali. Dal 2014 è il fondatore di mole24. Inoltre è docente di corsi di comunicazione web & marketing per enti e aziende