Economia

Venduto l’ex complesso industriale Olivetti ad Agliè

Tempo di lettura: < 1 minuto

Venduto, dopo 15 anni di abbandono e degrado, l’ex complesso industriale Olivetti ad Agliè. Finalmente sono giunte buone notizie per questa uno dei complessi industriali più importanti del Piemonte. Il sito è stato venduto alla società Immobiliare Besa, aprendo la strada a una nuova era.

Breve storia dell’Olivetti ad Agliè

L’area che ospita lo stabilimento ha una lunga storia industriale che risale alla seconda metà del XIX secolo. Inizialmente, l’area era dedicata all’industria tessile, con aziende come la Bluer e la De Angeli-Frua che operavano nel territorio. Tuttavia, nel 1955, il complesso fu acquisito da Adriano Olivetti, che lo convertì per la produzione della celebre macchina da scrivere “Lettera 22“. Quest’ultimo prodotto si rivelò un grande successo diventando un’icona di stile in tutto il mondo.

Chiusura e abbandono

Nonostante l’iniziale successo, il complesso industriale Olivetti ad Agliè chiuse definitivamente nel 2008. Da quel momento, il sito restò in uno stato di abbandono, non rispettando la sua storia e il suo prestigio. Questo stato di degrado durò per oltre 15 anni.

Immobiliare Besa

L’acquisizione dell’ex complesso Olivetti ad Agliè da parte della società Immobiliare Besa rappresenta una svolta significativa. L’azienda, infatti, è una storica proprietaria della cartiera di Parella e sito operativo della Osai Spa.

Il Ruolo del Consorzio Insediamenti Produttivi

L’acquisizione del vecchio stabilimento non sarebbe stata possibile senza il contributo del Consorzio Insediamenti Produttivi. Questo soggetto misto pubblico-privato opera sul territorio dal 1981 al fine di favorire lo sviluppo economico del territorio di Agliè. Quindi, il Consorzio ha ceduto la parte di comprensorio di sua proprietà alla società Immobiliare Besa, aprendo la strada a un futuro più promettente per l’intera area.

Nuove attività

Dopo l’acquisizione, il Consorzio Insediamenti Produttivi e Immobiliare Besa hanno avviato una serie di attività per ridare vita all’area. Uno dei principali obiettivi è la bonifica del terreno, che si prevede di completare nei prossimi due anni con il supporto di Telecom Italia. Questa operazione garantirà la sicurezza e la salubrità del sito, permettendo di creare nuove opportunità di sviluppo e di recupero per l’intera area.

Istituzioni e comunità locale

L’operazione di acquisto è stata resa possibile grazie al sostegno delle istituzioni coinvolte, tra cui:

  • la Città Metropolitana di Torino
  • il sistema Confindustriale
  • l’Amministrazione Comunale di Agliè

Related Articles

Back to top button
Close