Mole24 Logo Mole24
Home » Articoli HP » I Giardini Reali di Torino: la nuova Area Giochi sostenibile

I Giardini Reali di Torino: la nuova Area Giochi sostenibile

Da Alessandro Maldera

Agosto 11, 2023

I Giardini Reali di Torino sono uno dei più importanti polmoni verdi della città e rappresentano uno spazio di grande valore ambientale e monumentale. Questo luogo, che ha vissuto le trasformazioni di gusti della Corte lungo i secoli, è stato recentemente oggetto di una serie di interventi di restauro e riqualificazione, tra cui la creazione di una nuova area giochi inclusiva e sostenibile.

La Storia dei Giardini Reali di Torino

I Giardini Reali di Torino si trovano alle spalle del Palazzo Reale, sede principale di Casa Savoia tra la fine del Cinquecento e gli ultimi decenni dell’Ottocento. Fortemente voluti da Emanuele Filiberto quando Torino divenne capitale del ducato, questo spazio verde assunse svariate forme nei secoli.

Richiami Prodotti Italia App

Il primo impianto risale all’epoca di Emanuele Filiberto di Savoia, colui che trasferì la capitale del Ducato da Chambery a Torino. In quegli anni i Giardini avevano lo stile all’italiana caratterizzato da forme geometriche, regolarità e simmetria. La combinazione di verde e architettura (fontane, giochi d’acqua, e sculture mitologiche), inoltre, rendeva l’area ancor più elegante.

Il nucleo più antico e conosciuto come Giardino del Duca è il primo che si apre una volta varcato il cancello di piazzetta Reale (in corrispondenza dell’ingresso ai Musei Reali). Al centro del giardino si trova una fontana in marmo, ricostruita seguendo antichi disegni che riproducono l’aspetto originale della zona.

La Riqualificazione dell’Area Giochi dei Giardini Reali di Torino

Nei prossimi giorni inizieranno i lavori per la riqualificazione dei Giardini Reali di Torino, che prevedono l’aggiornamento dell’area giochi per i più piccoli. L’obiettivo è di creare un’ambientazione ludica a tema, che rispecchi le diverse fasi storiche dei Giardini Reali: dal medioevo alla contemporaneità, passando per lo zoo voluto dal re Vittorio Emanuele II.

Il progetto di riqualificazione prevede la sostituzione delle attrezzature obsolete con giochi nuovi destinati ai bambini di età prescolare e scolare. Verranno inseriti nuovi scivoli ai lati del giardino, così come nuove installazioni come giochi di abilità, di illusione ottica e sonori, che stuzzicheranno l’interesse didattico e scientifico dei bambini.

Le pavimentazioni verranno sostituite, per meglio adattarsi al giovane pubblico del parco, che potrà frequentare l’area in tutta sicurezza. Lo spazio sarà aperto anche alle attività delle scuole site nelle vicinanze.

Infine, per rendere l’area ludica quanto più sicura possibile per i bambini, il progetto di riqualificazione prevede di ampliare la siepe in Ligustrum che delimita l’area giochi; rinnovato anche il cancello di ingresso.

L’Area Giochi dei Giardini Reali Inferiori

L’area giochi dei Giardini Reali Inferiori si trova nel tratto sottostante il giardino del Duca e il Bastion Verde dei Giardini Reali. È uno spazio di aggregazione molto frequentato, a ridosso del centro storico, che viene restituito ai torinesi in una veste profondamente rinnovata.

I lavori di riqualificazione hanno riguardato anche la configurazione movimentata del terreno, ai lati del giardino, che è stata valorizzata con l’inserimento di scivoli da pendio, che costituiranno una sicura fonte di attrazione per i bambini.

Per garantire la loro sicurezza, nell’area giochi è stata posata una nuova pavimentazione antitrauma. In ottica di resilienza ambientale, nelle aree libere si è posato un nuovo fondo permeabile in stabilizzato, per migliorare il filtraggio delle acque meteoriche e per ridurre, di conseguenza, il carico della rete di smaltimento.

La siepe in Ligustrum che delimita il giardino è stata ampliata, ed è stato inoltre rinnovato il cancello che chiude l’area giochi. Sono stati infine riposizionati nuovi elementi di arredo urbano e installati due nuovi pannelli informativi.

Il Piano di Riqualificazione dei Giardini Reali di Torino

Il piano di riqualificazione dei Giardini Reali di Torino prevede il raggiungimento di un equilibrio tra innovazione e componente storica del parco. I lavori vengono descritti come “all’insegna dell’inclusione e degli aspetti didattico-scientifici, con soluzioni progettuali che guardano alla resilienza ambientale in un contesto ad alta valenza storica, culturale e artistica”.

Il progetto, nel suo complesso, è ambizioso e riguarda la riqualificazione con metodi innovativi di un’area verde per ciascuna circoscrizione, con giochi inclusivi, con caratteristiche didattiche ed educative e con soluzioni improntate alla mitigazione climatica.

Entro il 2023 verranno inaugurate altre aree giochi completamente rinnovate grazie ai fondi React, tra cui il giardino Peppino Impastato (circoscrizione 6), il giardino Don Gnocchi (circoscrizione 5), il giardino Nuova Delhi (circoscrizione 2), l’area giochi nel parco della Pellerina (circoscrizione 4).

La Sostenibilità Ambientale dei Giardini Reali di Torino

In ottica di sostenibilità ambientale, i Giardini Reali di Torino si stanno muovendo in direzione di un utilizzo delle risorse sempre più responsabile. Nelle aree libere è stato posato un nuovo fondo permeabile in stabilizzato, per migliorare il filtraggio delle acque meteoriche e per ridurre, di conseguenza, il carico della rete di smaltimento.

Sono state inoltre introdotte soluzioni per la gestione sostenibile dei rifiuti, con l’installazione di nuovi cestini per la raccolta differenziata. In questo modo, i Giardini Reali di Torino si pongono come esempio di sviluppo sostenibile, rispettoso dell’ambiente e delle risorse naturali.

Alessandro Maldera Avatar

Alessandro Maldera

Giornalista, ha collaborato per molti anni con testate giornalistiche nazional e locali. Dal 2014 è il fondatore di mole24. Inoltre è docente di corsi di comunicazione web & marketing per enti e aziende