Mole24 Logo Mole24
Home » Territorio » Ritrovato un cranio di homo sapiens tra la ghiaia del Po

Ritrovato un cranio di homo sapiens tra la ghiaia del Po

Da Asja D'arcangelo

Luglio 06, 2023

ritrovato-un-cranio-di-homo-sapiens-tra-la-ghiaia-del-po

Durante un’escursione di osservazione del fiume Po, un docente di Paleontologia ritrova tra i ciottoli un cranio di homo sapiens. Ecco i dettagli dell’incredibile scoperta.

Trovato un cranio di homo sapiens nel fiume Po: una scoperta eccezionale fatta quasi per caso

Al confine tra Cremonese e Piacentino, nel punto in cui l’Adda si incrocia con il fiume Po, è stato effettuato un ritrovamento molto importante. Infatti, Davide Perisco, docente di Paleontologia dell’Università di Parma e sindaco di San Daniele Po (Cremona), ha scoperto un cranio umano arcaico.

Richiami Prodotti Italia App

Parzialmente nascosto tra la ghiaia del fiume, il cranio, risalente probabilmente al Paleolitico, apparteneva a un homo sapiens. Del teschio si sono potute recuperate solo due ossa parietali e l’osso occipitale.

Persico ha ribattezzato il ritrovamento Acamar, ispirandosi ad una stella della costellazione Eridano, l’antico nome del fiume Po. Infatti, il reperto è emerso proprio in corrispondenza del meandro dell’Isola Serafini, che somiglia alla parte della costellazione indicata proprio dalla stella Acamar.

Analisi approfondite ci permetteranno di saperne di più dell’uomo a cui apparteneva il cranio

Subito dopo aver effettuato l’incredibile scoperta, Persico ha prontamente segnalato il ritrovamento alla Soprintendenza archeologica. Ora, sul cranio e sulle ossa si effettueranno degli studi approfonditi che permetteranno di capire di più sul loro proprietario.

Le analisi coinvolgeranno la Soprintendenza e le università di Parma, Bologna, Milano e il Museo Paleontologico di San Daniele Po. Grazie agli studi si riuscirà a capire non solo il sesso e l’età dell’uomo a cui apparteneva il cranio, ma anche altre importanti informazioni sulla sua vita. Già venerdì i reperti si sposteranno a Ravenna per effettuare le prime indagini con il Carbonio 14, che serviranno a definire con più precisione la loro datazione.

Una volta finite le analisi, il cranio rimarrà in esposizione permanente al Museo di Storia Naturale dell’Università di Parma.

Asja D’Arcangelo

Asja D'arcangelo Avatar

Asja D'arcangelo

Studentessa di facoltà umanistiche all'Università di Torino. Appassionata di giornalismo, ama viaggiare e scoprire nuove culture.