Economia

Torino accoglie Cartier: inaugurata una nuova sede dell’azienda

29394
Tempo di lettura: 2 minuti

Cartier sbarca a Torino con una nuova sede, la più importante della Maison Francese presente sul territorio italiano.

Arriva a Torino una nuova sede della Maison francese Cartier

I lavori per aprire la nuova sede di Cartier a Torino erano iniziati già ad aprile del 2021. Lo stabilimento, che avrebbe dovuto diventare la sede principale della Maison Francese in Italia, è stato poi inaugurato questo gennaio.

La Maison era già presente nel capoluogo sabaudo dal 2013, momento in cui aveva deciso di acquisire la ditta orafa Marchisio. Cartier aveva già avuto modo di constatare la qualità del lavoro svolto dall’azienda, che già da diversi anni produceva gioielli per la ditta francese.

Dal momento che il business di Cartier in Piemonte stava crescendo sempre di più, l’azienda ha pensato di realizzare un nuovo sito di produzione. La Maison ha voluto preservare l’ecosistema che si era già creato in città, continuando a lavorare sia con i dipendenti che con i partner già presenti sul territorio. Ora, Cartier ha inoltre deciso di legarsi ancora di più al Piemonte, dal momento che sta lavorando per aprire un secondo punto a Valenza. Questa nuova sede, al momento, è ancora in fase di costruzione e verrà inaugurata durante la primavera del prossimo anno.

Innovazione e sostenibilità per le nuove sedi di Cartier in Piemonte

Per Cartier, la sede di Torino rappresenta un vero e proprio punto di svolta. Questo perché la fabbrica della città della Mole è molto qualificata sia per quanto riguarda l’artigianato che per le nuove tecnologie dei gioielli.

Inoltre, la nuova sede, è già un sito certificato Leed Platinum (nuovo sistema di rating della bioediliza), il che significa che l’edificio è una testimonianza dell’impegno di Cartier per la sostenibilità. Infatti, nello stabile di Torino (e presto anche in quello di Valenza), l’azienda copre il proprio fabbisogno energetico grazie anche all’utilizzo di pannelli solari. La restante parte dell’energia, invece, arriva alla sede da una centrale idroelettrica, di cui Cartier è partner.

Infine, il nuovo sito rispetta anche tutti i più alti standard per quanto riguarda le condizioni di lavoro dei dipendenti.

Cartier si impegna per far crescere il Piemonte: tanti i progetti di formazione promossi dall’azienda

La nuova sede di Cartier a Torino potrà contribuire in diversi modi all’interno dell’ecosistema locale della città.

In primo luogo, il nuovo sito della Maison ha dato lavoro ad oltre 450 dipendenti, tutti provenienti dal torinese. L’azienda ha una scuola interna, in grado di formare i lavoratori e farli entrare nel mondo dell’artigianato, un settore che da anni sembra essere ormai in declino. Grazie al “L’Officina dei Talenti“, Cartier può preparare il suo personale, dando ad ognuno dei dipendenti la possibilità di diventare un gioielliere qualificato.

Questa è solo una delle molte attività di “employer branding” promosse dall’azienda, in gran parte svolte in collaborazione con gli enti locali del territorio e nazionali. Tra le collaborazioni più importanti in questo ambito, spicca quella tra Cartier e il Politecnico di Torino, in particolare per quanto riguarda il settore dell’innovazione. Molti giovani ingegneri dell’ateneo, infatti, hanno la possibilità di svolgere il tirocinio presso la nuova sede dell’azienda.

Asja D’Arcangelo

29394

Related Articles

29394
Back to top button
Close