Urbanistica

Torino: Palazzo Cisterna riapre finalmente al pubblico

2219
Tempo di lettura: < 1 minuto

Dopo tanti anni di abbandono, riapre finalmente le porte Palazzo Cisterna, che per tanto tempo ha ospitato la sede storica della provincia di Torino.

Palazzo Cisterna: rinasce uno dei più bei palazzi della città

Palazzo Cisterna potrebbe finalmente conoscere una nuova vita, dopo i diversi anni in cui versava in stato di abbandono. A rivelarlo alla stampa è stato direttamente il Sindaco della Città Metropolitana di Torino, Stefano Lo Russo durante una conferenza stampa.

Il 2023 potrebbe essere l’anno, infatti, in cui questo palazzo, che si trova in via Maria Vittoria, potrebbe finalmente essere restituito alla collettività dopo anni di abbandono a sé stesso.

L’obbiettivo sarebbe infatti quello di rimetterlo in sesto almeno in parte, per poi poterlo utilizzare per servizi pubblici che possano essere utili alla comunità.

Il sindaco ha dichiarato l’intenzione di mantenere sotto il controllo della Città Metropolitana la parte aulica. Il piano terra verrà invece ristrutturato e ospiterà con ogni probabilità un bar, un’area per la ristorazione e uno spazio espositivo per permettere ai cittadini di poter rientrare nell’amato palazzo.

L’idea è quella permettere alle persone di riappropriarsi dello spazio del palazzo. In particolare, varranno riaperti i suoi giardini interni, da sempre amati dai torinesi per la loro bellezza. Allo stesso modo, nel 2023 anche Palazzo Civico riaprirà al pubblico con gli stessi intenti.

Riapre Palazzo Cisterna a Torino: ospiterà alcuni uffici di istituzioni statali

Dal momento che Palazzo Cisterna è un grande complesso, una parte di esso potrebbe diventare la sede di uffici di istituzioni statali. Ad esempio, si ipotizza che qui potranno trovare casa la Corte dei Conti o l’avvocatura dello Stato.Il progetto risulta però complesso, perché non riguarda solo quell’edificio, ma la risistemazione di diverse strutture.

Tra queste, è presente anche il palazzo della Regione in piazza Castello. Per Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte, l’attuale sede della giunta regionale rimarrà pubblica. Inoltre, il palazzo della Regione è presente nel dossier di candidatura che Regione e Città hanno presentato per ospitare l’Authority europea antiriciclaggio.

Se dunque Torino si aggiudicherà la gara, il palazzo avrà quella destinazione. Se così non fosse, però, si aprirebbe la porta ad altre idee che potrebbero portare in piazza Castello la Corte dei Conti e a Palazzo Cisterna un’altra istituzione ancora.  

2219

Related Articles

2219
Back to top button
Close
Close