AnimaliArticoli HP

A Nichelino le pecore taglieranno l’erba nei cortili delle scuole

2534
Tempo di lettura: < 1 minuto

Interessate all’iniziativa le scuole superiori Erasmo da Rotterdam e Maxwell di Nichelino

Nel Comune di Nichelino le pecore si occuperanno del verde pubblico davanti alle scuole superiori Erasmo da Rotterdam e Maxwell. L’iniziativa prende il nome “Non seguire il gregge!” e presto sarà estesa a tutti gli istituti della città di Nichelino.

A Nichelino le pecore brucheranno l’erba e concimeranno i prati. E’ un’iniziativa pensata per la manutenzione degli spazi verdi scolastici che vede la messa al pascolo di pecore nei giardini delle scuole. Gli istituti coinvolti per il momento sono l’Erasmo e il Maxwell.

L’accordo che permette ciò è stato preso con un pastore nichelinese che metterà a disposizione circa 30 pecore ed una capretta.

Le trenta pecore e la capretta si occuperanno dell’erba degli istituti di Nichelino

Il progetto “Non seguire il gregge!” verte su un doppio obiettivo. Lasciare in mano ad un gregge di pecore la manutenzione dei giardini permette di limitare le spese e soprattutto l’impatto ecologico.

Le pecore che si troveranno a mangiare l’erba dei prati di Nichelino saranno un ottimo esempio a livello educativo. Obiettivo del progetto è soprattuto quello di attuare una campagna di sensibilizzazione nelle scuole rispetto al consumo critico. Le scelte che verranno portati a fare gli studenti saranno in ottica di valorizzazione dei piccoli produttori locali e verso l’acquisto di prodotti a km0.

Al progetto ed alla sua presentazione hanno aderito Jacopo Suppo, vicesindaco della Città Metropolitana di Torino, la consigliera Valentina Cera, il sindaco di Nichelino Giampiero Tolardo e l’assessore Alessandro Azzolina. Tutti coloro hanno spiegato che il progetto verrà accompagnato da laboratori sul consumo critico ed a km0. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di portare gli studenti verso un consumo di prodotti di qualità e locali.

Il progetto “Non seguire il gregge!” si pensa possa essere prossimamente esteso anche in altri istituti della Città metropolitana di Torino.

2534

Related Articles

2534
Back to top button
Close
Close