Sanità

Biella, all’Ospedale i pazienti potranno vedere i propri animali domestici

553
Tempo di lettura: < 1 minuto

All’ospedale di Biella i pazienti pediatrici e lungodegenti potranno ricevere la visita dei propri animali domestici.

Questo grazie al progetto “HelloPet!”, realizzato dall’ASLBI e presentato ieri 11 luglio presso la Direzione Generale di quest’ultima.

Il progetto nasce con l’obiettivo di migliorare le cure ospedaliere sul piano personale ma soprattutto umano.

Questa iniziativa ha infatti l’obiettivo di regalare ai pazienti momenti di gioia e condivisione durante il loro ricovero in ospedale.

Così l’Ospedale di Biella ha scelto di dedicare uno spazio apposito a questo progetto, per permettere l’incontro tra il paziente e il suo animale domestico.

La scelta per HelloPet! è caduta sul piano Tetto Giardino Ovest della struttura. Un’area interna non sanitaria raggiungibile dall’area parcheggio sud dell’ospedale grazie all’apposita cartellonistica e a una scala esterna.

L’iniziativa è rivolta a tutti i pazienti adulti ricoverati da oltre 15 giorni, ai pazienti pediatrici senza indicazioni sulla durata del ricovero e ai pazienti in fin di vita.

Tutti i pazienti dell’Ospedale potranno partecipare al progetto, eccetto quelli ricoverati nei reparti di Rianimazione, Pronto Soccorso, Week Surgery e i reparti dedicati ai pazienti positivi al Covid-19.

A Biella i pazienti potranno vedere i propri animali domestici durante il ricovero: tutti i dettagli

Gli animali domestici, ovvero cani e gatti, dovranno essere accompagnati nell’Ospedale con guinzaglio e trasportino, anche più di uno alla volta per paziente.

Gli operatori della struttura si occuperanno poi di condurre il paziente nell’area adibita, dove potrà incontrare il suo animale domestico per un tempo massimo concordato.

L’autorizzazione per l’ingresso degli animali dovrà invece essere rilasciata preventivamente tramite le procedure disposte dall’ASLBI.

HelloPet! era già stato pensato nel 2019, ma la pandemia aveva rallentato la sua realizzazione.

Ora, grazie alla procedura stipulata dalla Direzione delle Professioni Sanitarie, il progetto si concretizza per la prima volta in Piemonte, sull’esempio di altre regioni italiane.

Assunto di base dell’iniziativa è infatti l’effetto positivo che il paziente può ricevere dall’incontro con il proprio animale domestico.

Da questo progetto è nata inoltre anche la collaborazione con “Legami di Cuore”, organizzazione di Volontariato che ha l’obiettivo di supportare gli animali domestici di persone e famiglie in difficoltà.

553

Related Articles

553
Back to top button
Close
Close