ArteArticoli HP

Susa, un incredibile ritrovamento archeologico nella cattedrale di San Giusto

326
Tempo di lettura: < 1 minuto

La soprintendente Luisa Papotti descrive lo scavo in corso nell’abside della cattedrale di San Giusto a Susa come il più grande ritrovamento archeologico fatto in Piemonte degli ultimi 50 anni.

Il ritrovamento archeologico a Susa, dal pavimento emerge una cripta dell’XI secolo nella Cattedrale di San Giusto

Dallo scavo, effettuato sotto il pavimento dell’abside, è riemersa in tutta la sua bellezza la cripta della cattedrale, risalente all’XI secolo.

Tutto è partito lo scorso novembre, quando è stato smontato per la prima volta il coro ligneo, risalente al ‘300, per un restauro.

Don Gianluca Popolla, responsabile dei beni culturali ecclesiastici del Piemonte, spiega che la scoperta, effettuata togliendo la predella del pavimento, di ha colto tutti di sorpresa. Infatti, in nessuna fonte storica era accennata all’esistenza di una cripta all’interno della cattedrale.

Lo scavo, che è ancora in corso, ha permesso il ritrovamento di una stanza ipogea perfettamente conservata, con una scala ad anfiteatro, stucchi meravigliosi che rappresentano animali, capitelli, una lastra romana dedicata a Minerva, e quello che probabilmente era un reliquiario in bronzo dorato.

L’ultimo mistero da risolvere è come la cripta possa essere stata coperta. Le ipotesi più probabili sono un terremoto o una calamità improvvisa, poiché la struttura è stata seppellita di colpo, lasciando ogni cosa al suo posto.

Sopra la vecchia struttura, nel Trecento hanno costruito la cattedrale di San Giusto che tutt’oggi possiamo ammirare.

Papotti sottolinea che strutture di questo tipo e, soprattutto, di questa integrità si possono ritrovare solo nella vecchia struttura, oggi non più esistente, della basilica di San Pietro a Roma o nella cattedrale di Ravenna.

Questi i motivi che hanno spinto la soprintendente a chiedere al Ministero un intervento economico straordinario per portare avanti i lavori allo scavo, che ritiene possano portare a nuove scoperte altrettanto sorprendenti.

326

Related Articles

326
Back to top button
Close
Close