Articoli HPTerritorio

Torino, i cantieri per la riqualificazione di Palazzo Durando partiranno a marzo

858
Tempo di lettura: < 1 minuto

I cantieri per la riqualificazione del settecentesco Palazzo Durando a Torino dovrebbero iniziare a marzo. Diverse problematiche si sono messe in mezzo alla realizzazione del progetto: a partire dalla gestazione durata quasi quattro anni. In aggiunta, ci sono stati tempi lunghissimi anche per l’approvazione della variante urbanistica e per i dialoghi con la proprietà.

Palazzo Durando di Villa si trova in via Garibaldi all’angolo con via Botero. Il progetto per la sua riqualificazione è sostenuto dalla Res Torino Srl che si occuperà di realizzare una quarantina di piccoli appartamenti nei piani alti. Inoltre, verranno realizzate un insieme di attività commerciali al pian terreno.

La situazione, fino a questo momento parecchio intrigata, è stata sbloccata il 28 ottobre con il rilascio, da parte del Comune, dei permessi per la costruzione. I mesi precedenti sono stati difficili a causa della questione sulla monetizzazione dei parcheggi. In altre parole, si tratta della somma da riconoscere all’amministrazione per la realizzazione delle opere e degli spazi a destinazione commerciale. Momentaneamente è la proprietà ad avere il monopolio della situazione: il prossimo passo è la trasformazione dell’edificio.

A breve si chiuderà la gara d’appalto per individuare le imprese e i veri e propri interventi di riqualificazione partiranno a marzo, con una durata di circa un anno e mezzo.

A marzo la riqualificazione di Palazzo Durando di Torino: i dettagli

Nel progetto originario, al piano terra erano situate quattro unità commerciali, come medie strutture di vendita. Oggi, dato il cambiamento economico, non è da escludere un ulteriore funzionamento dei locali per renderli più appetibili sul mercato. Anche il primo piano avrà una destinazione commerciale.

Per quanto riguarda il secondo, il terzo e il quarto piano il progetto prevede la realizzazione di una quarantina di appartamenti, bilocali e trilocali. Nel livello interrato, infine, ci sarà un’autorimessa con ingresso in via Botero, ad uso condominiale.

Il valore della ristrutturazione complessiva ammonta a circa dieci milioni di euro. La parte retrostante dell’edificio subirà l’intervento più suggestivo, deciso di concerto con la Soprintendenza. Fra via San Francesco d’Assisi e via Botero verrà aperta una strada di collegamento che diventerà un piccolo spazio pubblico. La peculiarità di questo spazio risiederà nella visuale: sarà possibile scorgere la vista della Basilica dei Santi Martiri.

858

Related Articles

858
Back to top button
Close
Close