Cronaca di Torino

Giallo alle ATP Finals sparito e ritrovato l’orologio da 200 mila euro di Medvedev

1549
Tempo di lettura: < 1 minuto

Le Nitto ATP Finals di Torino sono state un successo, ma durante la finale è stato rubato l’orologio, poi ritrovato di Daniil Medvedev.

L’atleta russo, piazzatosi secondo nel torneo di Torino, è un collezionista di orologi e a Torino si è presentato con un Bovet OttantaSei, dal valore di 200 mila euro.

Un segnatempo d’oro, un cimelio ambitissimo per i collezionisti di tutto il mondo, infatti ne sono stati prodotti soltanto ottantasei esemplari.

L’episodio è l’unica nota stonata per quanto concerne l’organizzazione del torneo, fino a questa vicenda impeccabile. Sul campo invece era stato lo stesso Medvedev a rendersi protagonista dell’unico episodio contestato della rassegna, con lo sbadiglio provocatorio ai danni di Jannik Sinner. Un gesto non grave, ma che ha indispettito il pubblico di Torino, che stava spingendo l’azzurro, verso una vittoria sfumata solo all’ultimo set.

Rubato e poi ritrovato l’orologio di Daniil Medvedev durante le ATP Finals di Torino: la ricostruzione

Medvedev, tennista numero 2 al mondo, ricorderà in maniera neggativa la notte del 21 novembre: ha perso la finale delle Finals ed ha denunciato la scomparsa del suo prezioso orologio.

L’atleta russa ha notato la scomparsa del gioiello rientrato nel suo spogliatoio. Le ricerche sono partite immediatamente, con personale, inservienti e sicurezza alla ricerca dell’oggetto d’oro, senza ottenere nulla.

L’atleta, a poche ore dalla finale persa, ha denunciato alle forze dell’ordine l’accaduto e come per magia il segnatempo è ricomparso ieri. Un dirigente della ATP ha preso un volo per dare al legittimo proprietario l’oneroso orologio.

Le ricostruzioni parlano di un uomo che nella notte si sarebbe fatto avanti, a patto di mantenere l’anonimato, e avrebbe restituito il maltolto. La federazione, dove diversi passaggi di mano, ha provato a restituire il Bovet da 200 mila euro al legittimo proprietario, ma nessuno ha avvisato le autorità di questa procedura.

I carabinieri infatti hanno bloccato il dirigente, che stava per dirigersi presso la residenza dell’atleta Russo, a Montecarlo, invitandolo in caserma. L’uomo ha acconsentito, tuttavia non ha dato nomi circa l’identità della persona che ha sottratto l’oggetto dal camerino. Adesso il gioiello è in mano degli inquirenti, pronti a restituire a Medvedev il segnatempo d’oro.

Tag
1549

Related Articles

1549
Back to top button
Close
Close