Articoli HPCinema

A Torino si gira la fiction su Arnoldo Mondadori, interpretato da Michele Placido

2559
Tempo di lettura: 2 minuti

Torino sarà girata parte della fiction dedicata ad Arnoldo Mondadori.

Il capoluogo piemontese ospiterà le riprese della serie dedicata a uno dei più grandi editori di sempre del nostro Paese. Un docu-film della durata di un’ora e mezza, che ripercorrerà le tappe della vita di un personaggio importantissimo per la storia dell’Italia del Novecento (e per la sua influenza sul periodo successivo alla sua morte).

Si tratta di uno speciale omaggio per Mondadori, la cui eredità imprenditoriale è stata raccolta dalle generazioni seguenti. Un racconto coinvolgente, per il quale sono state coinvolte le bellezze urbane e paesaggistiche di Roma e del Lago Maggiore, oltre che di Torino.

Il centro della nostra città ospiterà le riprese, che si svolgeranno tra via Boginopiazza Carlo AlbertoRAI Fiction, per questa occasione, ha deciso di affidare il ruolo del protagonista a Michele Placido. Il celebre attore italiano, che ha già lavorato in città tra serie e film, torna all’ombra della Mole nelle vesti del famoso editore.

A Torino la fiction su Arnoldo Mondadori, la storia di uno dei più grandi editori d’Italia

Nella fiction si potrà ammirare la scalata di Arnoldo Mondadori, nato a Poggio Rusco (in provincia di Mantova) nel 1889.

Mondadori veniva da una famiglia di umili origini. Dopo diversi spostamenti tra Lombardia e Veneto, la sua famiglia si stabilì a Ostiglia, sempre in provincia di Mantova. Qui il ragazzo ebbe alcune possibilità di impiego in cui mansioni come venditore ambulante e garzone da tipografia.

Nonostante avesse abbandonato gli studi in tenera età per le difficoltà economiche della famiglia, Mondadori riuscì, all’inizio degli Anni Dieci del Novecento, ad avviare un’attività nel settore dell’editoria.

Nel corso della fiction si potrà notare il rapporto tra la sua azienda e il ventennio Fascista, le pubblicazioni non conformi al regime e i rapporti con grandi nomi stranieri. Ne è esempio la pubblicazione delle opere di Walt Disney in Italia, con un accordo raggiunto nel 1935.

Il docu-film ripercorrerà poi gli anni del Secondo Dopoguerra e gli anni della rinascita economica del Paese, con il boom che ha portato l’Italia a splendere e prosperare. In questo contesto, l’azienda di Mondadori seppe ritagliarsi un ruolo da leader del mercato, con scritti di vario genere. A ciò si aggiungono le digressioni sui rapporti familiari, specie con i figli (in particolare con Alberto, il primogenito) e con i fratelli.

Questa fiction si conclude con la morte di Arnoldo Mondadori, avvenuta nel 1971 a Milano, in quella che ormai era diventata la sua città adottiva. La storia di un grande uomo, prima che di un grande imprenditore, riassunta perfettamente con un cast di altissimo livello.

2559

Related Articles

2559
Back to top button
Close
Close