Articoli HPTerritorio

Alessandro Bertero torna all’Università di Torino per studiare le malattie cardiache

728
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’Università di Torino riabbraccia uno dei suoi luminari emigrati per condurre la sua ricerca negli Stati Uniti d’America: Alessandro Bertero.

In un periodo storico dove Torino è scesa in campo per la Fibrillazione Atriale a Rivoli, il ritorno di Bertero può solo aiutare.

Il ricercatore torna nel suo ateneo a distanza di dieci anni dalla sua laurea, e dopo aver arricchito il suo Curriculum vitae di esperienze prestigiose e riconoscimenti internazionali.

Alessandro Bertero torna All’Università di Torino: i dettagli

La lotta alle malattie cardiache, e l’Università di Torino, hanno un nuovo alleato di assoluto prestigio.

Alessandro Bertero, dopo essersi laureato nella Città della Mole, è volato in direzione degli Stati Uniti di America per condurre la sua ricerca.

Le Università di Cambridge e Seattle hanno avuto l’onore di ospitare e lavorare con il ricercatore italiano.

Lo studioso italiano, negli anni a stelle e strisce, ha vinto il prestigioso Career Development Award del 2020, che ha portato in dote una borsa di studio da un milione di dollari. Il finanziamento è suddiviso in cinque sovvenzioni da 200 mila dollari per ogni singolo anno accademico.

Bertero, sotto la Mole, aprirà un laboratorio Armenise Harvard di genomica dello sviluppo di ingegneria cardiaca al Molecolar Biotechnology Laborator dell’Università di Torino

Malgrado i tanti anni fuori dalla madre terra, il ricercatore non ha infatti nascosto la sua emozione per il ritorno in Piemonte. Il luminare è partito come neolaureato e torna a casa come capo squadra di un progetto prestigioso.

Lo scopo della sua ricerca è capire come i geni influenzino le malattie cardiache. Questo nuovo approccio potrebbe portare a un nuovo approccio terapeutico.

L’ambito che più potrebbe essere migliorato dalla sua ricerca è quello relativo alla medicina rigenerativa per le cardiopatie congenite. Questa patologia, infatti, è la più letale per gli infanti affetti da problemi cardiaci.

728

Related Articles

728
Back to top button
Close
Close