Articoli HPTerritorio

Un museo di chimica in nome di Primo Levi: a Settimo arriva “Mu-Ch”

891
Tempo di lettura: < 1 minuto

Approvato il progetto per il Museo delle scienze dei materiali in vista del 2022

Un centro di documentazione e ricerca in nome della scienza, questo sarà il futuro della Silva di Settimo Torinese, che dal 2022 lascerà il posto a un nuovo Museo della Chimica dedicato a Primo Levi.

Il celebre scrittore torinese, chimico di professione, arrivò nella Società Industriale Vernici e Affini nel 1948, per poi diventarne direttore tecnico e infine direttore generale.

Ed è proprio in suo nome che a partire dal prossimo anno infatti negli ambienti del vecchio complesso industriale sarà possibile giocare e imparare con la scienza in tutte le sue discipline.

Dalla fisica alla chimica, fino all’astrologia, il tutto racchiuso nell’offerta culturale del museo Mu-Ch, fortemente voluto dal Comune della sindaca Elena Piastra.

Il progetto alla base dell’iniziativa avrà come obiettivo la riqualificazione dell’area, con la creazione di un polo multi-culturale che diventerà una grande opportunità per il borgo Nuovo e per tutta la città.

Il Museo Primo Levi sarà il primo in Europa interamente dedicato alla chimica

All’interno della palazzina di due piani troveranno spazio una mostra permanente con esperimenti tra analogici e digitali, uno spazio per i “Chemistry shows“. Qui scienziati condurranno dimostrazioni per intrattenere il pubblico e inoltre un laboratorio esclusivo per i visitatori e una sala per conferenze, incontri e spettacoli.

Inoltre, ci sarà anche la prima biblioeca sotto le stelle del mondo, per dare a tutti la possibilità di godersi una lettura osservando il firmamento proiettato sulla cupola a 360°.

Ma non solo, all’interno dell’ex Silva sarà possibile visitare anche il vecchio ufficio di Primo Levi, con la bilancina professionale con cui pesava le sostanze.

L’eredità lasciataci dall’autore torinese sarà ulteriormente accudita dalla collaborazione con il Centro Internazionale di Studi Primo Levi, attraverso la raccolta dei suoi lavori, sia letterari che scientifici, che l’hanno reso celebre nel mondo.

Il disegno sarà possibile grazie al finanziamento di due milioni di euro proveniente dal Comune di Settimo per il progetto Rinascimenti nel bado periferie.

Un milione sarà a disposizione per l’area ex Silva, mentre la gestione sarà nelle mani della Fondazione Esperienze di Cultura Metropolitana, con il piano dei lavori affidato al Gruppo Pleiadi.

Simone Nale

891

Related Articles

891
Back to top button
Close
Close