Articoli HPTerritorio

Grattacielo della Regione Piemonte: 2 milioni di euro per sostituire le vetrate

4369
Tempo di lettura: < 1 minuto

La Regione Piemonte per sostituire le vetrate del suo nuovo grattacielo ha programmato di spendere due milioni di euro.

Il costo elevatissimo, aldilà della materia prima e la mano d’opera è motivato dalla maniera di installazione dei pannelli di vetro.

Infatti le finestre non verranno cambiate attraverso le solite impalcature ma attraverso una serie di tecnici acrobati.

Il nuovo palazzo della Regione ha subito danni per vie delle intemperie subendo diverse defezioni alle finestre della struttura.

Tecnici acrobati per sostituire le vetrate del grattacielo della regione Piemonte, i costi

Seppur il grattacielo non sia ancora ultimato, la giunta comunale deve intervenire per i danni che la struttura ha subito in questi lunghi anni di costruzione.

La struttura dispone di 2873 vetrate, tuttavia oltre la metà ha già bisogno di lavori di manuntenzione.

Il tribunale di Reggio Emilia ha diramato una perizia tecnica per risolvere il contenzioso tra la Regione Piemonte e l’azienda Coopsette.

Le stime per i costi di ripristino dei pannelli di vetro si aggira attorno ai due milioni.

I periti hanno stimato che dei 2873 pannelli di vetri ben 1415 presentano bollature di varie entità, di cui 323 necessitano di una sostituzione integrale della finestra.

La regione ha visto aumentare i costi per le difficoltà strutturali per la manutenzione del palazzo.

Per ogni finestra il costo è di 2 mila euro, più del doppio dei 900 euro preventivati nella gara d’appalto.

Infatti il grattacielo è alto circa 205 metri è utilizzare un ponteggio o una gru al momento non è fattibile. Anche la soluzione di utilizzare una piattaforma sospeso non è stata ritenuta idonea.

I periti suggeriscono come unica soluzione quella di far calare i tecnici attraverso un sistema di cavi e ventose per sostituire le vetrate danneggiate.

La manodopera per questa laboriosa soluzione costerebbe ben 6500 euro.

Regione e Coopsette stanno attuando una diatriba legale per chi dovrà sostenere i costi di manutenzione.

Il Piemonte sostiene di non avere responsabilità nella vicenda sostenendo che il pesante onere debba essere ripagato dalla ditta costruttrice.

4369

Related Articles

4369
Back to top button
Close
Close