Articoli HPTerritorio

La moglie perde la fede del marito il giorno della sua morte: il ritrovamento è un sollievo

454
Renault Clio Autovip
Tempo di lettura: < 1 minuto

Una tragedia nella tragedia, per lo meno simbolica, nel giorno in cui il marito è morto, la moglie del defunto perde la loro fede nuziale.

Alla disperazione per il lutto si è aggiunta la tristezza di aver perso il simbolo del loro amore, proprio nella ricorrenza del loro 55esimo anno di matrimonio.

Una storia che malgrado la tristezza vede un epilogo meno amaro, con i carabinieri che ritrovano il cimelio proprio nel giorno del funerale dell’uomo.

Un sospiro di sollievo, seppur parziale, per la signora Maria, che potrà ricordare la memoria del suo Dante attraverso il simbolo del loro amore.

Una vicenda toccante, soprattutto perché l’uomo ha voluto esserci ad ogni costo il giorno del loro anniversario per spegnersi poco dopo.

La moglie Maria perde l’anello di Dante, il marito morto: la loro storia

Dante Iacomussi e Maria Richiardi erano due coniugi del torinese, uniti da oltre dieci lustri in matrimonio.

Tempo fa Dante l’uomo si è ammalato e si è spento nei giorni scorsi, tuttavia ha resistito per poter toccare il traguardo dei 55 anni assieme alla sua amata moglie.

La donna, nel giorno della sua dipartita ha deciso di sfilare la fede del marito, ma essendo troppo grande la ripone nel suo portadocumenti.

La moglie, però, perde la fede del marito morto a 84 anni e cade nella disperazione per aver smarrito il prezioso cimelio del loro amore.

La donna crolla nella disperazione per aver perso non solo il suo amato marito, ma anche l’anello simbolo del loro amore.

La storia, però, si conclude con la notizia del ritrovamento del gioiello da parte dei carabinieri.

Infatti, un’ora dopo aver riposto l’urna mortuaria dell’uomo nella tomba di famiglia, il figlio della coppia, Saverio, riceve la chiamata da parte del corpo dei carabinieri di Torino che annunciavano il ritrovamento.

L’anello è stato riconosciuto dall’emblematica scritta all’interno: “Da Maria a Dante: 6 febbraio 1966”.

Un ritrovamento che non permetterà alla donna di riabbracciare il suo amato marito, ma che le permetterà per sempre di mantenere vivo il ricordo del loro amore.

454

Related Articles

454
Back to top button
Close
Close