Articoli HPTerritorio

Gabry Ponte operato al cuore: l’intervento è andato bene

1339
Tempo di lettura: 2 minuti

Il dj e produttore torinese ha poi rassicurato sulle sue condizioni di salute sui social

Negli ultimi giorni, Gabry Ponte aveva fatto sapere tramite i propri account social, l’imminenza di una complicata operazione di chirurgia che lo terrà fuori dai giochi per un lungo periodo.

Sofferente di una pericolosa malattia congenita degenerativa, il celebre disc-jockey di Torino si è dovuto quindi sottoporre a un’operazione al cuore, in modo da prevenire possibili complicazioni future.

Fu di certo una notizia inaspettata, soprattutto per i suoi fan, dal momento in cui lui stesso si considera una persona molto attiva, che riesce a conciliare molta attività sportiva insieme al suo grande amore per la musica.

Fortunatamente l’intervento è andato a buon fine.

Svoltasi nella mattinata di mercoledì 20 gennaio, l’operazione al cuore è andata bene, e dopo una notte in cardio-rianimazione, al momento Gabriele ai più conosciuto come “Gabry Ponte”, si trova in reparto.

Una buona notizia che il produttore piemontese ha voluto pubblicare sempre su Facebook e su Instagram, in modo da rassicurare il suo pubblico e ringraziare tutti coloro che in questi giorni gli sono stati ‘vicino’.

Gabri Ponte post Instagram annuncio operazione
Gabry Ponte operato al cuore l’intervento è andato bene

Gabriele Ponte, o “Gabry Ponte” per tutti noi, è uno dei più importanti dj e produttori del panorama discografico italiano e mondiale

Considerato uno dei deejay di maggiore successo della scena dance italiana e mondiale, Gabry Ponte nasce a Torino il 20 aprile del 1973.

Gli inizi della sua attività di disc-jockey vengono tracciati a partire dal 1993, quando divenne uno dei produttori della BlizzCo.

In tempi record, la sua musica riuscì a scalare le classifiche di tutta Europa.

Dato il successo decise poi di creare insieme a Maurizio Lobina e a Jeffrey Jey un nuovo gruppo dance verso la fine degli anni ’90, gli Eiffel 65.

Con gli Eiffel 65, il trio fu in grado di vendere un totale di quasi 10 milioni di dischi in tutto il mondo, raggiungendo addirittura una nomination ai Grammy Awards.

Nel 1995 il remix “Blue (Da Ba Dee)” supera le 10 milioni di copie vendute entrando nelle classifiche di 24 paesi mondiali.

Ciò nonostante, nel 2001 avviene la svolta.

Gabry Ponte decide di lasciare il gruppo per dedicarsi interamente a una carriera da solista.

Inizia con la pubblicazione del brano “Get to Get” e tra i suoi più grandi successi ricordiamo inoltre il pezzo “Geordie”.

Il secondo album invece verrà poi pubblicato nel 2004, album contenente il famoso singolo “Figli di Pitagore”, sviluppato grazie al ‘featuring’ con Little Tony.

Negli anni che seguirono, Gabry Ponte ebbe modo di lavorare insieme a molti altri artisti, italiani e non, della musica pop dance.

Parliamo di collaborazioni con Marracash, Shaggy, Tacabro, Amii Stuwart, Haiducii e Two Fingerz che fruttarono non solo prestigio ma anche singoli di ottima qualità per gli amanti del genere.

Il produttore torinese entrò poi a fare parte della giuria del programma televisivo “Amici” nel 2013.

Un ruolo che ha occupato nell’edizione successiva del 2014, così come in quella del 2020.

1339

Related Articles

1339
Back to top button
Close
Close