Articoli HPCronaca di Torino

Reati a Torino: aumentano i maltrattamenti domestici

348
Tempo di lettura: < 1 minuto

Le forze dell’ordine, in un report sui dati dei reati a Torino, hanno mostrato come la pandemia abbia mutato anche la mappa dell’illegalità, con delle tristi eccezioni.

Il numero generale delle infrazioni nei 138 comuni della procura di Torino è sceso in media, ma a mutare sono i tipi di interventi.

Nei 69 giorni del primo lockdown gli interventi delle forze dell’ordine sono stati di 8.69 al giorno, numero che scendono a 7.63 durante la seconda ondata.

Lo scorso anno, negli stessi mesi, i numeri di interventi erano 10.14 e 10.78.

I maltrattamenti domestici sono cresciuti in maniera esponenziale, quadruplicati in 4 anni, ma al primo posto resta lo spaccio.

I numeri sui reati a Torino ai raggi X

Il numero più preoccupante è quello relativo a maltrattamenti domestici e stalking, che partendo dal 2016 ha avuto un’impennata quasi esponenziale.

Infatti gli interventi per maltrattamenti in famiglia è salito dagli 82 interventi del 2016 ai 279 del 202, passando per i 113 del 2017, 176 del 2018 e 253.

Il numero più allarmante è quello relativo allo spaccio, dove nella città della Mole questo tipo di reato tocca quasi il 41% di interventi.

Un problema da sempre noto, ma che ha leggere i numeri allarma ancor di più le autorità.

Un numero di interventi per detenzione e spaccio di droga che tocca le 1331 unità, un numero allarmante per la sola provincia di Torino.

Preoccupano anche gli interventi per furti e rapine, che toccano quasi una chiamata su quattro con il 23.32% delle segnalazioni alle autorità.

La pandemia ha solo rallentato lo spaccio, con pusher che hanno distribuito le sostante stupefacenti nelle maniere più disparate.

Durante la pandemia si è assistito a spacciatori vestiti da driver di cibo pur di consegnare la droga ai proprio clienti, mossa che non ha tuttaviafermato l’operato della polizia.

348

Related Articles

348
Back to top button
Close
Close