Articoli HPLavoro

Economia, in Piemonte consumi in calo – oltre 2500 euro spesi in meno di media

211
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Covid – 19 ha, da sempre, minato la salute della popolazione mondiale, ma non solo, anche l’economia è stata vittima della pandemica. In Piemonte i consumi in calo preoccupano le autorità. Ciò è emerso dalle indagini ISTAT, SWG e Svimez, dove il Piemonte, con 2500 euro in meno in media a famiglia risulta sopra la media nazionale.

in Piemonte consumi in calo, i settori più colpiti

Circa 1600 euro in meno nei portafogli dei piemontesi e 2500 euro spesi in meno. Cifre che rispecchiano l’andamento globale, dove la pandemia ha minato la situazione lavorativa di ognuno. Orari ridotti, casse integrazioni e licenziamenti hanno portato il Piemonte, motore commerciale d’Italia, a una situazione di crisi unica. La situazione, rispetto al resto della nazione, è più sensibile: nel resto dello stivale il calo delle spese è stimato in 2300 euro, circa il 5.3% in meno del Piemonte.

La ristorazione è il settore più colpito, con una spesa media diminuita di 230 a famiglia, seguita dal settore dell’abbigliamento con 223 euro in meno. In calo anche la cultura, dove le famiglie spendono ben 210 euro in meno rispetto al trimestre gennaio – marzo. Si registra anche un calo di 153 per i prodotti per la casa.

L’economia piemontese prova a ripartire

La notizia della ripresa del lavoro nei poli industriali FCA, Valeo, Denso e Teksid è sicuramente positiva, oltre a essere un efficace mezzo per contrastare i disastrosi numeri ISTAT, tuttavia il problema è per i lavoratori precari e indipendenti.

A sottolineare l’importanza di far ripartire i lavoratori autonomi è Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti, che sottolinea come il lockdown abbia messo in ginocchio i precari e i possessori di partite IVA. Mentre i dipendenti hanno tamponato le difficoltà grazie agli ammortizzatori sociali e la cassa integrazione. Lo stesso Banchieri, tuttavia, sostiene che la ripartenza debba essere frutto del sostegno di tutti nel far ripartire il tessuto economico.

211

Related Articles

211
Back to top button
Close
Close