Articoli HPTerritorio

Torino Scarpe&Scarpe futuro in bilico

9150
Tempo di lettura: < 1 minuto

Esuberi in sede e 11 punti vendita chiusi

Torino Scarpe&Scarpe, la crisi colpisce lungo tutta la penisola.

L’azienda torinese con sede a Borgaro desta preoccupazione anche a Palazzo Civico. Dopo l’incontro con i sindacati, i vertici dell’azienda hanno annunciato la chiusura di 11 punti vendita in Italia.

Ad abbassare le serrande saranno i negozi di Calenzano (Fi), Cornaredo (Mi), via Rivarolo a Genova, Latina, Marcon (Ve), Quartu (Ca), Vanzaghello (Mi), Milazzo (Me). Nella capitale verranno chiusi gli esercizi nei centri commerciali Parco Leonardo, Anagnina e La Romanina.

I lavoratori lasciati a casa potranno richiedere l’accesso agli ammortizzatori sociali. Intanto, l’azienda è al lavoro con i propri consulenti per cercare di garantire il maggior numero possibile di posti di lavoro, valutando le disposizioni in linea con il piano industriale e finanziario.

Annunciati alcuni esuberi anche nella sede principale di via Tetti dell’Oleo a Borgaro. Trattative in corso con le controparti in altri tre negozi che per il momento non sono resi noti.

negozio scarpe&scarpe
Torino Scarpe&Scarpe futuro in bilico

Torino Scarpe&Scarpe, la decisione per salvare gli altri punti vendita

Alle testate locali i vertici aziendali hanno spiegato la necessità di adottare questa soluzione per salvaguardare gli altri punti vendita distribuiti lungo la penisola in 19 regioni. 153, per la precisione, che danno lavoro a circa 1800 persone.

Gli 11 negozi chiusi sarebbero quelli che negli ultimi hanno hanno dato meno risultati in termini di vendite ed il lockdown non ha sicuramente migliorato la loro posizione.

Anche il Comune tiene d’occhio la situazione dell’azienda torinese che oltre alla sede principale a Borgaro, ha un punto vendita anche in via Lagrange. La situazione dell’impresa è cambiata in pochi mesi e l’annuncio del ridimensionamento è giunto nelle prime settimane di luglio.

Sebbene le voci sul’imminente chiusura siano state messe a tacere tempo fa con la proposta di un piano per il rilancio, il futuro dell’azienda sembra ancora incerto.

Ilaria Di Pinto

9150

Related Articles

9150
Back to top button
Close
Close