Articoli HPTerritorio

Festa di San Giovanni 2020, lo spettacolo dei droni affidato ai francesi: ospiti ancora da definire

9469
Tempo di lettura: 2 minuti

La festa di San Giovanni 2020 sarà ricordata come un’edizione molto particolare di queste attese celebrazioni.

Quest’anno, come è stato reso noto recentemente, Torino omaggerà il Santo Patrono insieme Genova e Firenze, le altre due grandi città italiane che hanno come Protettore lo stesso Santo della nostra città.

Gli amministratori locali hanno dato annuncio di questa importante decisione sui social network, attraverso un’intervista che ha coinvolto Chiara AppendinoDario Nardella (Sindaco di Firenze) e Marco Bucci (Sindaco di Genova).

Come si potrà immaginare, i festeggiamenti di quest’anno saranno ben diversi rispetto agli anni passati. Si svolgeranno eventi a distanza, ovviamente in formato online e con dirette streaming. Una scelta obbligata, in quanto non è ancora possibile organizzare eventi all’aperto, con conseguenti e pericolosi assembramenti.

Ognuna delle città coinvolte avrà i suoi punti di riferimento. Torino sarà protagonista con la Mole Antonelliana e il LingottoGenova ha invece selezionato i Palazzi dei Rolli e il teatro Carlo Felice, mentre la scelta di Firenze è ricaduta sul Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio e l’abbazia di San Miniato.

L’evento sarà proposto dalla Rai, che sarà media partner della kermesse. Quest’ultima durerà circa un’ora e mezza e partirà proprio da Torino e dal suo simbolo per eccellenza, la Mole.

L’investimento preventivato sarà di 400mila euro. Una riduzione piuttosto notevole, rispetto ai 700mila euro utilizzati nel 2019, ma visti i tempi appare più che fisiologico un ridimensionamento del budget.

Festa di San Giovanni Droni
Festa di San Giovanni 2020, lo spettacolo dei droni affidato ai francesi: ospiti ancora da definire (Fonte foto: vicini.to.it)

Festa di San Giovanni 2020: lo spettacolo dei droni in città

Anche quest’anno si farà affidamento sui droni e sulle spettacolari coreografie create dai piccoli velivoli. Per la loro esibizione, rispetto agli anni scorsi, cambieranno diverse cose.

In queste settimane era emerso il problema della mancanza di sponsor convinti a puntare sull’evento. Il bando per la presentazione delle offerte era stato nuovamente prolungato, in quanto nessuna azienda privata aveva risposto con una offerta di partnership.

Alla fine, dopo l’addio di Intel, sarà Dronisos a proporre le acrobazie e le composizioni dei droni. I francesi si faranno carico della realizzazione dello spettacolo e saranno sostenuti da altri importanti sponsor come Iren, Tim, Cisco e Seikey.

Insomma, una serie di stravolgimenti necessari per regalare ai torinesi (e non solo) una festa di San Giovanni all’altezza della situazione.

9469

Related Articles

9469
Back to top button
Close
Close