Economia

La chiusura della libreria Vecchi e Nuovi Mondi: la fine di un’epoca

1798
Tempo di lettura: 2 minuti

Il panorama delle librerie sta subendo un duro colpo a causa dell’emergenza del coronavirus. Una delle vittime più recenti di questa crisi è la libreria “Vecchi e Nuovi Mondi” a Torino, che ha annunciato la sua chiusura definitiva. Questo negozio, situato in via San Francesco da Paola, era l’unico nel Nord Italia dedicato esclusivamente al genere fantasy e fantascienza. La sua chiusura rappresenta una grande perdita per gli appassionati del genere e per la cultura in generale.

La storia di Vecchi e Nuovi Mondi

La libreria è stata fondata da Marco Dantini, un appassionato di fantasy e fantascienza. Questo negozio era molto più di una semplice libreria, era un punto di incontro per gli amanti del genere, un luogo in cui si potevano trovare le opere letterarie più importanti. Spaziava dai classici di Asimov ai romanzi di Tolkien. Ma non solo, la libreria offriva anche pubblicazioni indipendenti di generi come lo steampunk e l’urban fantasy.

Gli eventi e le conferenze

Uno dei motivi per cui la libreria era così amata era la possibilità di partecipare a eventi, conferenze e presentazioni organizzati da Marco Dantini. Queste occasioni offrivano l’opportunità di incontrare altri appassionati, condividere opinioni e scoprire nuovi libri. Queste esperienze andavano oltre la semplice vendita di libri, creando un senso di comunità e di appartenenza per gli amanti del genere.

L’impatto del lockdown

Purtroppo, la pandemia da COVID-19 ha colpito duramente tutte le librerie in genere. Durante il lockdown, tutte le forme di aggregazione e gli eventi che costituivano una parte fondamentale dell’attività della libreria sono stati annullati. Marco Dantini si è trovato senza entrate sufficienti per coprire le spese fisse e senza la possibilità di attingere ai suoi risparmi per sostenere l’attività.

Il futuro delle librerie nel contesto attuale

La chiusura della libreria “Vecchi e Nuovi Mondi” solleva la questione del futuro delle librerie nel contesto attuale. La pandemia ha accelerato il cambiamento verso l’e-commerce e ha portato a una maggiore concorrenza con i giganti del settore come Amazon. Tuttavia, le librerie indipendenti offrono un’esperienza unica che va oltre la semplice vendita di libri. La possibilità di interagire con i librai, ricevere consigli personalizzati e partecipare a eventi è ciò che le rende speciali e irripetibili.

Il ruolo delle istituzioni pubbliche e private

Di fronte alla difficile situazione delle librerie indipendenti, è importante che le istituzioni pubbliche e private si impegnino per sostenere queste attività culturali. Sono necessari fondi e incentivi per aiutare le librerie a sopravvivere in un contesto sempre più competitivo. Inoltre, è essenziale promuovere la cultura della lettura e l’importanza delle librerie nella comunità.

Aggiornato il 22/01/2024

Tag
1798

Related Articles

1798
Back to top button
Close