Articoli HPSanità

Lavarsi le mani, oggi è la giornata mondiale dell’igiene delle mani.

535
Tempo di lettura: 2 minuti

Lavarsi le mani è il mantra degli ultimi mesi, lo sappiamo, ed oggi ricade anche la giornata mondiale dell’OMS.

Dal 2005, ogni anno, l’Organizzazione mondiale della sanità promuove, per il 5 maggio, la Giornata mondiale per il lavaggio delle mani per ricordare l’importanza di questo gesto semplice, ma essenziale, nella prevenzione delle infezioni trasmissibili, soprattutto negli ambienti ospedalieri e di cura.

Progetto dei Lions Club e dell’ospedale Mauriziano

La cultura del lavarsi le mani è importante e, a tal riguardo, è nato il progetto #MANINALTOpromosso dall’ospedale Mauriziano e dai Lions Club.

L’idea è soprattutto rivolta ai bambini: un progetto educativo per insegnare loro a lavarsi le mani. Infatti gli organizzatori specificano che tale progetto « coinvolge genitori ed insegnanti sotto forma di gioco del teatro sociale per abituare i nostri figli al gesto del lavarsi le mani in modo corretto ed efficace». 

Le ricerche e gli esperti indicano che la buona pratica del lavarsi le mani può ridurre del 40% la mortalità per diarrea e del 23% l’incidenza della polmonite. Considerando che queste sono le due principali cause di mortalità dei bambini di età compresa tra gli 0 e i 5 anni, comprendiamo quanto sia importante il progetto dei Lions Club e dell’ospedale Mauriziano. Il tutto con un gesto semplice ed economico.

Il progetto

Il progetto #MANINALTO è stato creato dal dott. Salvatore Piazza, socio del Lions Club Torino Solferino e importante chirurgo vascolare dell’ospedale Mauriziano.

Il tutto è stato strutturato in tre incontri formativi, tutti fruibili a distanza secondo le regole  sanitarie attuali. Il gruppo saluteearte ha creato dei video che raccontano un’indagine coinvolgente  che ha come protagonisti personaggi simpatici e dai nomi stravaganti: il Dottor Gel, Sherlock Soap e i due agenti “Milavo” e “Lemani”. Le video-lezioni sono tutte incentrate sull’importanza educativa e sociale del lavarsi le mani in maniera gioviale e divertente.

Per info. www.lions108ia1.it e  www.salutearte.it

Come lavare le mani

Lavarsi le mani è un gesto semplice e meccanico ma di fondamentale importanza per garantire un’adeguata pulizia e igiene.

Normalmente è sufficiente il semplice sapone. In caso di assenza di acqua è utile un igienizzante per le mani a base alcolica da utilizzare con le mani asciutte altrimenti non è efficace.

Se si usa il sapone è importante frizionare le mani per almeno 40-60 secondi.
Se il sapone non è disponibile usare una soluzione alcolica per almeno 20-30 secondi.

Quando bisogna lavarsi le mani:

Prima

  • di toccarsi occhi/naso/bocca (per es., per fumare, usare lenti a contatto, lavare i denti, etc.)
  • di mangiare
  • di assumere farmaci o somministrare farmaci ad altri

Prima e dopo 

  • aver medicato o toccato una ferita
  • aver toccato un animale
  • aver maneggiato alimenti
  • aver usato i servizi igienici
  • aver toccato una persona malata
  • aver cambiato il pannolino di un bambino

Dopo 

  • aver frequentato luoghi pubblici
  • appena si rientra in casa
  • aver maneggiato la spazzatura
  • aver utilizzato soldi
  • aver toccato altre persone.

Infine bisogna tossire/starnutire nella piega del gomito, per evitare di contaminare le mani e le altre persone. Utilizzare sempre fazzoletti monouso e lavarsi le mani, subito dopo l’uso. Queste pratiche sono necessarie per evitare di trasmettere i propri microbi e batteri ad altre persone o su cose (toccando ad esempio il cellulare, la maniglia di una porta, etc.).

535

Related Articles

535
Back to top button
Close
Close