Articoli HPCronaca di Torino

Torinese minaccia assalto contro i supermercati su Facebook: 45enne denunciato dalla Polizia

250
Tempo di lettura: < 1 minuto

Torinese minaccia azioni violente contro i supermercati su Facebook: progettava assalti ai punti vendita


Un torinese minaccia azioni violente contro i supermercati su Facebook e viene fermato per la sua influenza sui social.


È quanto è accaduto, in queste settimane, sulla popolare piattaforma online. Un uomo di 45 anni ha creato una community, denominata “Abbiamo Fame“, in cui esponeva le sue tesi sulla necessità di assaltare i punti vendita in questo difficile periodo.


Un momento, quello attuale, che ha spinto numerose persone a prendere di mira i supermercati per assicurarsi provviste di prima necessità, in maniera più o meno civile.


Per esempio, il creatore di questo gruppo condivideva notizie relative ad assalti e saccheggi dei supermercati, con episodi riferiti prevalentemente a contesti del Sud Italia.

L’uomo invitava i suoi iscritti (160 in totale, selezionati mediante una apposita richiesta di iscrizione) a fare lo stesso, per garantirsi la sopravvivenza in modo illegale. Una pratica da replicare, secondo il 45enne, che guardava al modello meridionale per incitare chi vive anche conseguenze economiche gravi a infrangere la legge e a svuotare i negozi.


Le indagini e le sanzioni


In seguito ad alcune segnalazioni, gli agenti di Polizia specializzati in questo genere di casi si sono messi all’opera per rintracciare e fermare le iniziative.

Tra gli obiettivi dell’uomo era stato individuato anche un obiettivo da colpire: un supermercato collocato all’interno di un centro commerciale, il cui nome non è stato però rivelato.


Al termine delle indagini, il torinese è stato identificato e segnalato all’autorità giudiziaria. È stato inizialmente denunciato e ora rischia pesanti sanzioni penali per istigazione a delinquere.
La vicenda si è chiusa poi con l’eliminazione del gruppi da Facebook e con la cancellazione di possibili progetti di invasioni e azioni violente.

250

Related Articles

250
Back to top button
Close
Close