Home Articoli HP Torino, caccia all’uomo misterioso che riga le auto in divieto di sosta

Torino, caccia all’uomo misterioso che riga le auto in divieto di sosta

Torino riga auto
Torino, caccia all’uomo misterioso che riga le auto in divieto di sosta
Tempo di lettura: < 1 minuto

Torino, caccia all’uomo misterioso che riga le auto in divieto di sosta

Dopo l’allarme di un cittadino preoccupato, è stato segnalato l’uomo che riga le auto parcheggiate in divieto di sosta a Torino. Ogni volta che un’auto viene posteggiata male, l’anonimo giustiziere entra in azione e, come un vile Zorro, pone la sua firma: una lunga riga sulla fiancata.

A dare l’allarme è stato Mario Lippi, presidente della Bocciofila SIS, che si trova all’interno del Parco Michelotti di Torino. Secondo la sua testimonianza, sono giorni ormai che una persona non ancora identificata se la prende con le auto parcheggiate in corso Casale e con quelle lasciate davanti al cancello della Bocciofila. Ad essere presi di mira sono soprattutto i soci del Circolo ricreativo, che si sono ritrovati più volte la vettura rigata.

In realtà, lungo il viale del parco che costeggia la cancellata della Bocciofila la sosta è vietata, e permessa soltanto ai mezzi di soccorso. Tuttavia i soci, per lo più anziani, avendo difficoltà a camminare e per le spese troppo ingenti, evitano di usare il parcheggio a pagamento oltre il ponte. Preferiscono di conseguenza parcheggiare di fronte al cancello in divieto di sosta.

Ma qui, ad attenderli, c’è un misterioso vendicatore di Torino che pensa bene di punirli e riga le auto parcheggiate male. Persino quelle con regolare contrassegno portatori di handicap.

Torino riga auto
Torino, caccia all’uomo misterioso che riga le auto in divieto di sosta

Per evitare ulteriori lamentele e disagi, il presidente del Circolo SIS ha affisso un cartello di avviso. Per i soci e per chi dovesse passare da quelle parti e avesse la malsana idea di parcheggiare lì, sappiate che potreste trovarvi l’auto danneggiata.

Mario Lippi ha provveduto ad inviare anche una lettera al Comune e alla Circoscrizione per far presente il problema. A questo punto, si spera di trovare una soluzione agli atti vandalici che tuttora continuano.