Home Urbanistica Torino, radicali interventi alla viabilità per i quartieri Vanchiglia, Basso San Donato,...

Torino, radicali interventi alla viabilità per i quartieri Vanchiglia, Basso San Donato, Borgo Campidoglio, Via di Nanni e Piazza Carducci

Interventi Viabilità Torino
Torino, radicali interventi alla viabilità per i quartieri Vanchiglia, Basso San Donato, Borgo Campidoglio, Via di Nanni e Piazza Carducci
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino, radicali interventi alla viabilità per i quartieri Vanchiglia, Basso San Donato, Borgo Campidoglio, Via di Nanni e Piazza Carducci

Nuovi radicali interventi alla viabilità trasformeranno i quartieri di Vanchiglia, Basso San Donato, Borgo Campidoglio, oltre alle zone di via Di Nanni e piazza Carducci a Torino. Il Comune ha approvato il progetto che trascinerà la città verso una mobilità sempre più sostenibile.

Si prevede la definizione di aree pedonali, zone 30 e vie residenziali. Oltretutto, gli accessi alle aree avverranno tramite veri e propri varchi segnalati.

L’obiettivo principale sarà quello di moderare e, in alcuni casi, eliminare il traffico dei veicoli, attraverso riduzioni e rialzi di carreggiata, restringimenti, dossi e chicane. È in programma, inoltre, l’ampliamento degli spazi pedonali, soprattutto in corrispondenza delle scuole, utilizzando dissuasori mobili o nuove piantumazioni, per dare un tocco di verde in più alla città.

adv
Loading...

Nel quartiere Vanchiglietta, infine, si vuole destinare una corsia riservata ai mezzi pubblici con una sorta di spartitraffico che garantisca la circolazione separata dai veicoli privati.

Secondo l’assessora alla Mobilità, Maria Lapietra, gli interventi alla viabilità di Torino miglioreranno la qualità urbana. Riducendo le auto e dando spazio ai mezzi più lenti e sostenibili, aumenterà il numero di chi si muove in bicicletta e a piedi, e favorirà anche il commercio. In questo modo, gli spazi urbani saranno più sicuri, attraenti e soprattutto accessibili a tutti, dai bambini agli anziani.

Correlato:  Mobilità, Torino è la seconda città italiana per efficienza del trasporto pubblico

L’inizio dei lavori è previsto per la primavera del 2020 e verranno finanziati con i fondi del programma operativo nazionale Città Metropolitane. La cifra ammonta a 593mila euro.