Home sanità Ricerca, novità in Ortopedia: autoriparazione cellulare per non ricorrere alla chirurgia

Ricerca, novità in Ortopedia: autoriparazione cellulare per non ricorrere alla chirurgia

Ricerca Ortopedia
Ricerca, novità in Ortopedia: autoriparazione cellulare per non ricorrere alla chirurgia
Tempo di lettura: 2 minuti

Ricerca, novità in Ortopedia: autoriparazione cellulare per non ricorrere alla chirurgia

Ricerca, novità in Ortopedia. È possibile intervenire sulle lesioni articolari senza ricorrere alla chirurgia? La risposta è sì: stando alle ultime ricerche della Medicina in campo ortopedico, è possibile sfruttare la capacità rigenerativa di speciali cellule.

Di questo ed altri temi si è discusso durante il 21esimo Congresso della Società Italiana di ricerca in Ortopedia (Iors) che si è tenuto a Torino presso l’Istituto di Biotecnologie. Uno degli appuntamenti più importanti per gli esperti del settore, presieduto dal professor Filippo Castoldi, direttore della struttura complessa a direzione universitaria “Ortopedia e Traumatologia” del San Luigi di Orbassano, con il professor Giuseppe Peretti del Galeazzi di Milano.

La location non era casuale visto che, proprio presso l’Istituto di via Nizza, l’Ortopedia del San Luigi, sotto la guida del dottor Antonio Marmotti, conduce da diversi anni studi di ricerca in Ortopedia sulla rigenerazione dei tessuti ossei cartilaginei da cellule particolari.

adv

Parliamo di cellule staminali, come quelle contenute nel cordone ombelicale: cellule estremamente attive, e di fatto inesauribili, che vengono indirizzate verso la zona da riparare.

Ricerca Ortopedia
Ricerca, novità in Ortopedia: autoriparazione cellulare per non ricorrere alla chirurgia

Cellule staminali per riparare le lesioni articolari

Le cellule staminali si distinguono dalle altre cellule per alcune importanti caratteristiche. Hanno la capacità di auto-rinnovarsi, di moltiplicarsi per un lungo periodo di tempo, e possono essere indotte a differenziarsi in cellule specializzate.

Correlato:  Ospedale di Chivasso, arrivano le cuffie che evitano la caduta dei capelli in chemioterapia

Ciò vuol dire che, quando le cellule staminali sono poste in un ambiente specifico, possono dare origine a cellule che sono simili al tessuto di quell’ambiente. In questo caso, i fattori di crescita che stimolano nuovi tessuti possono essere isolati e utilizzati per indurre nuova formazione di cartilagine. Si potrà in questo modo intervenire direttamente sulle lesioni delle cartilagini, da quelle di piccole dimensioni fino alle artrosi, finora trattate principalmente con la Chirurgia tradizionale.

In poche parole: la ricerca in Ortopedia punta a sfruttare la capacità del corpo umano di auto-ripararsi, senza dover ricorrere a trattamenti chirurgici invasivi.

Ricerca Ortopedia
Ricerca, novità in Ortopedia: autoriparazione cellulare per non ricorrere alla chirurgia

Ciò che gli scienziati stanno apprendendo sul controllo della differenziazione delle cellule staminali può diventare la base per nuovi trattamenti di molte gravi malattie ed infortuni.

Attualmente non è stata ancora raggiunta la fase dell’applicazione clinica, ma la ricerca è promettente e potrà portare a una rivoluzione delle tecniche di intervento.