Home Articoli HP Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival...

Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia

Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia
Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia
Tempo di lettura: 1 minuto

Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia, in programma dal 7 al 10 novembre

Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia.
La kermesse, che si terrà dal 7 al 10 novembre prossimo, è curata dal Rettore Guido Saracco insieme a Luca De Biase e Juan Carlos De Martin.
Saranno oltre 300 i relatori, tra cui tante star internazionali.
L’evento si svolgerà in diverse location, dal Villaggio della Tecnologia, allestito nel piazzale Duca d’Aosta di fronte alla sede del Poli in corso Duca, al Castello del Valentino, dal Circolo dei Lettori alle Ogr, dalla Cavallerizza Reale all’Accademia delle Scienze, dal Museo del Cinema al Polo del ‘900 e altri.
Giovedì 7 novembre il Festival si aprirà con il conferimento della Laurea Ad Honorem in Ingegneria Gestionale al Premio Nobel Joseph Stiglitz.
Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia
Il Politecnico di Torino festeggia i suoi 160 anni con il Festival della Tecnologia
Tra gli ospiti di venerdì 8 novembre ci saranno John Elkann, ex allievo del Politecnico, il grande chef Ferran Adrià e lo scrittore Alessandro Baricco.
Sabato 9 novembre, invece, verrà conferirà la Laurea Ad Honorem in Ingegneria Aerospaziale all’astronauta Samantha Cristoforetti. Tra gli ospiti di sabato ci saranno anche l’architetto Carlo Ratti, il docente di Harvard Antoine Picon l’architetto cinese Zhang Li.
Infine, domenica 10 novembre, il protagonista assoluto sarà Piero Angela che terrà una lectio magistralis dedicata all’importanza della diffusione delle conoscenze scientifiche.
Correlato:  In arrivo a Torino le reliquie di Santa Bernadette Soubirous, la ragazza veggente di Lourdes