Home Articoli HP In arrivo 35 vigilini a Torino: l’obiettivo è fare 100mila multe in...

In arrivo 35 vigilini a Torino: l’obiettivo è fare 100mila multe in più

In arrivo 35 vigilini a Torino: l'obiettivo è fare 100mila multe in più
In arrivo 35 vigilini a Torino: l'obiettivo è fare 100mila multe in più
Tempo di lettura: 1 minuto

Arrivano nuovi 35 vigilini a Torino: avranno gli stessi poteri di accertamento dei civich per perseguire l’obiettivo di comminare 100mila multe in più

Dal prossimo mese di ottobre saranno operativi 35 nuovi vigilini a Torino.
In arrivo 35 vigilini a Torino: l'obiettivo è fare 100mila multe in più
In arrivo 35 vigilini a Torino: l’obiettivo è fare 100mila multe in più
I vigilini prenderanno l’eredità dei “canarini”, ossia di quegli operatori muniti di pettorina gialle che nel 1999 vennero affiancati al personale dell’azienda di trasporto pubblico, l’attuale Gtt.
A differenza di questi, però, i nuovi vigilini, su accordo della Sindaca Chiara Appendino e del Comandante della Polizia Municipale Emiliano Bezzon, avranno più poteri.
Infatti, i 35 ausiliari andranno ad affiancare i colleghi di Gtt, ma a differenza loro, potranno sanzionare qualsiasi tipo di infrazione in tutta la città.
Gli addetti Gtt, di fatto, possono solo controllare la validità dei ticket di sosta.
Sostanzialmente avranno gli stessi poteri dei civich.
Una mossa importante da parte di Palazzo Civico volta a perseguire uno degli obiettivi strategici della città, ossia, aumentare del 15% il totale delle sanzioni elevate nel 2019.
In pratica, esaminando il rendiconto dello scorso anno, si tratterebbe di comminare ben 100mila multe in più.
I cosiddetti mini-vigili potranno sanzionare gli automobilisti anche per violazioni varie al codice della strada, come i mezzi parcheggiati sui binari o nei posti riservati al car sharing e altre infrazioni.
L’annuncio dell’arrivo dei nuovi vigilini era stati dato lo scorso luglio proprio dal Comandante della Polizia Municipale, a margine della presentazione dei nuovi dieci tablet a disposizione dei vigili urbani per la rilevazione degli incidenti.
Dunque, dopo la pausa estiva, nelle prossime settimane, la lotta del Comune di Torino contro la malasosta si farà sempre più dura.
Correlato:  Torino, Peyrano rischia il fallimento: la proprietà cerca di resistere