Home Articoli HP Villaggio dei treni, una fiaba per tutta la famiglia

Villaggio dei treni, una fiaba per tutta la famiglia

Tempo di lettura: 1 minuto
A Osso di Croveo, nella Val Formazza (VCO), si trova un luogo davvero particolare. Si tratta del villaggio dei treni, un’attrazione singolare pensata per i bambini ma adatta a tutti i tipi di pubblico.

Di cosa si tratta?

Il Villaggio Treno dei Bimbi è una costruzione fiabesca in cui antichi vagoni di treni in disuso sono stati trasformati in variopinti appartamenti dotati di tutti i comfort e adatti a nuclei da due a sei persone.
Una sorta di villaggio dei treni appunto in cui non ci sono partenze e arrivi ma solo relax e originalità. Dove i turisti di tutte le età possono soggiornare serenamente uno o più giorni a stretto contatto con la natura e con un affascinante passato.

Le origini

Il villaggio dei treni nacque nel 1966 da un’idea di Padre Michelangelo, già fondatore di una casa in Svizzera per migranti.
In origine il villaggio doveva essere una colonia estiva per bambini formata da treni dismessi nel cuore della natura.
I vagoni vennero donati da Oscar Luigi Scalfaro, allora Ministro dei Trasporti, al fine di creare una realtà unica nel suo genere a 900 metri di altitudine.

La struttura del villaggio

Per chi entra per la prima volta nel Villaggio Treno dei Bimbi il colpo d’occhio è impagabile. Ci si trova infatti di fronte a ventotto vagoni immersi in una natura incontaminata.
Nel silenzio del bosco questo luogo fiabesco è dotato davvero di tutti i comfort, con sedici camere da letto, quattro refettori e magazzini, una sala TV e tre sale con esposti dipinti e lavori in ceramica del luogo.
Per i più piccoli, oltre alla location unica nel suo genere ci sono svariate attività da svolgere in loco, così come per gli adulti ci sono campi da gioco e vengono organizzate escursioni nel territorio circostante.
Per ulteriori informazioni e per prenotare la propria gita nel mondo delle fiabe, si può consultare il loro sito.
Correlato:  Eventi, a Torino un 2018 di fiere e festival: grande ottimismo per superare le delusioni del 2017