Home Articoli HP Abbonamento Musei, la Valle d’Aosta entra nel circuito unendosi a Piemonte e...

Abbonamento Musei, la Valle d’Aosta entra nel circuito unendosi a Piemonte e Lombardia

Tempo di lettura: 1 minuto

Abbonamento Musei, la Valle d’Aosta si aggiunge a Piemonte e Lombardia ed entra nel circuito con ben 16 siti culturali

Novità per l’Abbonamento Musei, la Valle d’Aosta entra nel circuito.
Il circuito culturale Abbonamento Musei coinvolge più di 150mila persone proponendo 436 siti culturali tra Piemonte e Lombardia.
Lo scorso anno, attraverso questo sistema, sono stati registrati oltre un milione di ingressi complessivi.
Si tratta del più grande sistema integrato nel Nord-Ovest.
L’associazione, nata nel 1994, si appresta ad accogliere ben 16 siti valdostani che si vanno ad aggiungere al Forte di Bard, già convenzionato dal 2006.
Tra i siti che entreranno nella rete ci saranno il Castello Reale di Sarre, Castello di Fénis, Issogne, Verres, Castel Savoia, Sarriod de la Tour, Gamba, il Museo Archeologico regionale, l’area megalitica,  la Chiesa Paleocristiana di San Lorenzo, il Criptoportico Forense e il Centro Saint-Bénin ad Aosta.
Abbonamento Musei, la Valle d'Aosta entra nel circuito unendosi a Piemonte e Lombardia
Abbonamento Musei, la Valle d’Aosta entra nel circuito unendosi a Piemonte e Lombardia
Dino Berardi, presidente dell’associazione Abbonamento Musei, si è detto soddisfatto dell’ingresso della Valle d’Aosta come partner del sistema.
Il direttore di Abbonamento MuseiSimona Ricci ha già annunciato che, per il prossimi anno, c’è già in progetto un Grand Tour alla scoperta delle bellezze della regione.
Dunque, i possessori dell’Abbonamento Musei potranno visitare non solo i siti di Piemonte e Lombardia, ma anche quelli proposti dalla Valle d’Aosta.
Correlato:  EGO International, le PMI e l'importanza dei clienti oltreconfine