Home Articoli HP Ospedale Gradenigo, al via la sperimentazione del laser che brucia il tumore...

Ospedale Gradenigo, al via la sperimentazione del laser che brucia il tumore della prostata

Tempo di lettura: 1 minuto

Ospedale Gradenigo, al via la sperimentazione del laser che brucia il tumore alla prostata

Al via all’Ospedale Gradenigo la sperimentazione del laser che brucia il tumore della prostata.
Ospedale Gradenigo, al via la sperimentazione del laser che brucia il tumore della prostata
Ospedale Gradenigo, al via la sperimentazione del laser che brucia il tumore della prostata
La nuova tecnica abbrevierà la durata degli interventi che verranno effettuati in un’ora e mezza.
Dopo l’operazione si potrà tornare a casa in un paio di giorni.
Si tratta della terapia fotodinamica, che, grazie all’uso del laser, brucia le cellule cancerogene senza danneggiare continenza urinaria e potenza sessuale.
Questo tipo di tumore è al terzo posto per tasso di mortalità con un incidenza dell’8% nel totale dei decessi oncologici.
È il più frequente tra gli uomini e colpisce soprattutto a partire dai 50 anni d’età in poi, con oltre il 20% dei tumori diagnosticati.
Secondo gli studi, la nuova tecnica ridurrebbe il rischio di sviluppare tumori di grado superiore.
A sperimentare questa nuova tecnica sarà l’Urologia dell’Ospedale Humanitas Gradenigo di Torino diretta da Giovanni Muto.
L’Ospedale torinese è coinvolto in uno studio che interessa anche il San Raffaele di Milano e la Federico II di Napoli.
Il professor Muto ha spiegato che l’evoluzione di questi tumori è incetta, in quanto può restare fermo per anni come progredire improvvisamente.
Tuttavia, proprio per la loro imprevedibilità, ci sarà sempre la necessità di sottoporsi a controlli periodici.
Dunque, una sperimentazione importante per l’Ospedale torinese che conferma l’eccellenza della sanità torinese e piemontese.
Correlato:  Caldo record, Lucifero non dà tregua: anche oggi le temperature saranno infuocate