Home Articoli HP Inaugurazione del Cacao, ennesimo rinvio: clienti imbufaliti

Inaugurazione del Cacao, ennesimo rinvio: clienti imbufaliti

Inaugurazione del Cacao, ennesimo rinvio: clienti imbufaliti
Inaugurazione del Cacao, ennesimo rinvio: clienti imbufaliti
Tempo di lettura: 1 minuto

Inaugurazione del Cacao, arriva l’ennesimo rinvio: i clienti danno sfogo alla loro rabbia sui social

L’inaugurazione del Cacao è senza dubbio uno degli eventi più attesi dai ragazzi torinesi. Parliamo della discoteca più grande della città, che offre indimenticabili feste e serate all’aperto a partire dal periodo primaverile.

Quest’anno, l’attesa per la sua riapertura era ancora più sentita. Erano anche state fissate due date: il 4 e il 18 maggio. Nulla da fare però: due rinvii, che hanno costretto i gestori a scegliere il 25 maggio come nuova data.

Arrivato il fatidico giorno, l’ennesimo rinvio. E, questa volta, i clienti si sono adirati non poco. La rabbia di ragazzi e di frequentatori abituali del locale è esplosa sui social network. Sulla pagina ufficiale di Facebook del Cacao sono ancora visibili le proteste.

adv

Una marea di commenti, che hanno riempito il post di scuse con tantissime insulti e manifestazioni di disappunto.

Il titolare del locale, Alessandro Mautino, ha cercato di spiegare i motivi di questa delusione. A suo dire, tutto era stato messo a norma di legge. Erano stati superati gli abusivismi edilizi riscontrati ed erano state colmate le irregolarità del locale. Tutto, secondo Mautino, è stato messo a posto. Nonostante ciò, non riesce a dare una spiegazione dei rifiuti del Comune di concedere l’ok per la riapertura. Ultima nota dolente è il mancato rinnovo della concessione del terreno. Palazzo Civico, infatti, non ha dato il via libera nemmeno su questo punto, e il gestore e i dipendenti iniziano a domandarsi quale sarà il futuro del locale.

Correlato:  Black Friday: da oggi fino al 28 novembre è caccia allo sconto!

Dunque, l’inaugurazione del Cacao slitta ancora, questa volta a data da destinarsi. Chissà che questi ostacoli non facciano perdere clienti e prestigio a uno dei simboli della movida torinese.