Mole24 Logo Mole24
Home » Cronaca di Torino » Divieto fuochi d’artificio a Capodanno: la sindaca ha detto no!

Divieto fuochi d’artificio a Capodanno: la sindaca ha detto no!

Da Alessandro Maldera

Dicembre 31, 2016

Divieto fuochi d'artificio a Capodanno: la sindaca ha detto no!

Su Twitter la sindaca Appendino ha espresso il suo pensiero sui botti di Capodanno: è contraria. E voi, da che parte state?

Botti sì – botti no: l’eterno dilemma. Da cinque anni a questa parte Torino si è schierata con il no ma si sa, i furbetti ci sono sempre e gli incidenti capitano ogni anno a Capodanno. Anche quest’anno però si è rinnovato il divieto: la sindaca Appendino ha lanciato su Twitter un messaggio forte: “I botti sono pericolosi per gli uomini, l’ambiente e gli animali e sono vietati a Torino, ricordiamocelo”.

Richiami Prodotti Italia App

Così è nata la campagna di sensibilizzazione I botti terrorizzano gli animali: aiutali a sentirsi al sicuro: lanciata dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con l’Ordine dei Medici Veterinari della provincia di Torino, vuole richiamare l’attenzione, sulla pericolosità di petardi, mortaretti, fuochi d’artificio e altro materiale pirotecnico, ai danni degli animali.

I botti e i fuochi artificiali, anche se graditi a molte persone, possono spaventare gli animali, a volte con gravi conseguenze. È importante rivolgersi al proprio veterinario che saprà indicare le soluzioni più adeguate da adottare per affrontare questi problemi in caso di paura o panico dei nostri amici pelosi. Per saperne di più vi consiglio di cliccare qui giusto per essere preparati alla notte più attesa dell’anno.

Torino come Roma, Genova, Jesolo, Cagliari e Campobasso e oltre 1000 comuni italiani che hanno aderito alla campagna contro i botti. La AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente) si aspetta altre 1000 adesioni, per un totale di 2000 comuni italiani aderenti all’iniziativa.

E voi siete d’accordo?

Alessandro Maldera Avatar

Alessandro Maldera

Giornalista, ha collaborato per molti anni con testate giornalistiche nazional e locali. Dal 2014 è il fondatore di mole24. Inoltre è docente di corsi di comunicazione web & marketing per enti e aziende