Cronaca di Torino

Il Circolo Cerea apre, da oggi, a tutti gli effetti alle donne

496
Tempo di lettura: < 1 minuto

Dopo più di un secolo e mezzo dalla sua nascita (1863),  il circolo Cerea sarà dotata di uno spogliatoio femminile. Quello che sembra un avvenimento normalissimo, in realtà è una mini rivoluzione, poiché questo cambiamento è stato possibile solo grazie a una modifica dello statuto del circolo, avvenuta appena 3 anni fa, nel 2013.

Il Cerea necessitava di uno spazio dedicato alle donne e alle ragazze perché ormai tutte le società di canottieri presenti sul suolo torinese ne sono provviste, e perché non era possibile richiedere costantemente ospitalità alla vicina Società Armida.

Ai  195 soci e ai 52 agonisti e pre-agonisti si aggiungeranno 5 socie, 12 atlete e 20 corsiste master.

Una piccola conquista che arricchisce il Cerea e che ha portato anche diversi cambiamenti dal punto di vista logistico: è stato necessario rifare gran parte della struttura originale e costruire uno spazio separato dallo spogliatoio dei soci, un tempo utilizzato provvisoriamente dalle donne.

Mutazioni che non finiscono qui, dato che sarà realizzato un terrazzo sulla struttura e sarà completata la nuova centrale termica.

Una questione di immagine, dunque, per il Cerea. Le donne partecipanti dovranno ringraziare il Trofeo Silverskiff, poiché la mancanza di spogliatoi per donne in una competizione internazionale avrebbe messo a disagio e in cattiva luce una società che mira a essere riconosciuta fuori dai confini nazionali come una delle più importanti.

496

Related Articles

496
Back to top button
Close
Close