Cronaca di Torino

A capodanno niente botti, Torino è amica degli animali

275
Tempo di lettura: < 1 minuto

Per il quarto anno consecutivo la città di Torino ha deciso di rinnovare il divieto ufficiale di botti e petardi la notte di Capodanno, allo scopo di mantenere l’ordine e di salvaguardare la salute degli animali.

La legge appositamente varata per la questione è la n°320 del 2011, che al comma 23 (art.9) cita: “E’ vietato su tutto il territorio del Comune di Torino fare esplodere petardi, botti, fuochi d’artificio e articoli pirotecnici in genere. L’attivazione di petardi, botti, fuochi d’artificio e simili può configurarsi come maltrattamento e comportamento lesivo nei confronti degli animali come previsto dallo stesso articolo 9 comma 1, e comporta quindi responsabilità dei trasgressori. Eventuali autorizzazioni in deroga saranno valutate dalla Città”.

Le sanzioni previste si aggirano tra i 25€ e i 500€ a seconda della gravità dell’atto e delle conseguenze.

Tale legge è stata varata con lo scopo di proteggere la salute dei nostri amici a quattro zampe che, come è noto, possono risentire fortemente della presenza di botti, petardi e fuochi liberi di ogni genere, sia per il loro udito fortemente sviluppato, sia per la sensibilità ai giochi di luce, che per i pericoli che potrebbero incontrare a causa delle esplosioni.

Al di là della legislazione vigente, una città “smart” e all’avanguardia come Torino, si dovrebbe sentire invitata a prescindere a non spaventare gli animali e a salvaguardare la sicurezza di persone e cose nella notte più lunga dell’anno.

Come dice lo slogan della campagna, “Gli animali valgono più di un botto”.

Francesca Palumbo

275

Related Articles

275
Back to top button
Close
Close