Articoli HPTrasporti

Piemonte, autisti senza Green Pass sono un problema: corse a rischio

821
Tempo di lettura: < 1 minuto

La Regione Piemonte lancia l’allarme per quanto concerne gli autisti di bus senza green pass, che rischiano di mettere a rischio diverse corse.

Quella del certificato verde è una situazione scottante, e col nuovo decreto governativo non sarà possibile accedere al luogo di lavoro se ne si è sprovvisti.

Una grana importante per Torino, soprattutto per la riapertura delle università e per gli eventi in città. Infatti le ATP Finals sono imminenti, e il Comune di Torino non vuole farsi trovare impreparato.

Situazione resa spinosa già dallo sciopero indetto ieri da GTT per motivi di discordia aziendale, che nulla ha a che vedere con la situazione green pass.

In Piemonte gli autisti senza green pass rischiano di cancellare diverse corse: i dettagli

Marco Gabusi, assessore regionale ai trasporti piemontesi, lancia un monito pesante: se gli autisti o i ferrovieri non sono vaccinati non potranno lavorare.

La conseguenza è che ciò porterà a un disagio nel servizio pubblico dei trasporti, con ritardi e cancellazioni.

I numeri forniti dai sindacati preoccupano in questo senso: il 15% degli autisti o ferrovieri non è vaccinato. Se questi lavoratori non si sottoporranno ogni 72 ore a un tampone nasale non potranno accedere al proprio luogo di lavoro.

Una situazione spinosa, perché l’azienda sarà obbligata a sospendere questi lavoratori, ma non potrà assumerne altri.

Tuttavia la Regione sta studiando un piano preventivo di comunicazione al fine di avvisare per tempo i viaggiatori delle possibili corse a rischio.

La Regione ha chiesto alle ditte di trasporto la situazione dettagliata al fine di tutelare il servizio pubblico e i cittadini pendolari.

Una volta che la Regione avrà ricevuto i dati potrà definire la situazione delle corse a rischio e prendere provvedimenti tempestivi.

Nella sola GTT il numero di dipendenti non vaccinati è dal 15 al 20%, come emerso dagli ingressi in mensa. Ma dal prossimo 15 ottobre i lavoratori non potranno prendere parte alla funzione lavorativa, creando disagi.

I sindacati hanno chiesto alle aziende di pagare i tamponi, ma la situazione appare in divenire ed entro il 15 una soluzione andrà presa.

821

Related Articles

821
Back to top button
Close
Close