Articoli HPTerritorio

Torino Esposizioni diverrà una biblioteca civica grazie al Recovery Plan

2558
Tempo di lettura: < 1 minuto

Grazie al Recovery Plan per il Piemonte, il complesso di Torino Esposizioni vedrà al suo interno una biblioteca civica.

Il progetto vedrà l’intera riqualificazione della zona del Valentino, con un esborso di quasi ottantacinque milioni di euro per migliorare una zona da tempo poco frequentata.

Malgrado il complicato momento economico, la riqualificazione della zona resta una priorità, e vedrà anche il restauro della zona medievale e un piano per la navigazione sul Po.

Oltre alle suddette migliorie, il master plan prevede anche una nuova organizzazione e decoro del verde pubblico della zona.

Torino Esposizioni, Biblioteca Civica, Borgo Medievale e verde pubblico: il piano

Da diverso tempo Torino Esposizioni è pronta al rilancio, dopo anni di scarso utilizzo che hanno messo a rischio la vita dell‘ex polo fieristico.

Completato nel 1939 sotto la dittatura fascista, l’ex sede dell’ente nazionale per la moda ha vissuto diversi eventi al suo interno, prima del quasi totale abbandono in questi anni.

Il suo recupero è curato dall’Università di Torino, in simbiosi con l’assessorato dell’urbanistica e per i beni culturali. Il piano è stato emanato circa due anni fa, e le parti si stanno aggiornando da qualche settimana.

Il PoliTo vuole adibire alcuni padiglioni come moderne aule studio, mentre altre aree, stando al Recovery Plan, saranno adibite a biblioteca Civica.

L’Università degli studi di Torino oltre a ente che disporrà i propri fondi per creare dei suoi spazi accademici, sarà l’advisor tecnico per la progettazione degli interventi di trasformazione.

La biblioteca civica sarà il progetto principale del piano, e i curatori vogliono renderla una realtà che vada oltre la semplice consultazione del libro. Il progetto prevede un‘area di condivisione di spazio e di idee che porti la gente a vivere quell’area.

Il piano prevede anche la riqualificazione del borgo medievale e dell’intero verde pubblico della zona.

Il Recovery Plan contribuirà con 85 milioni di euro, ma altri 70 potrebbero arrivare prima, grazie al fondo React-EU.

2558

Related Articles

2558
Back to top button
Close
Close