Articoli HPTerritorio

Chi si laurea a Torino ha più probabilità di trovare lavoro: i dati di AlmaLaurea

4907
Tempo di lettura: 2 minuti

Il 90% dei laureati UniTo trovano lavoro entro 5 anni dal titolo di studio, gli ingegneri che escono dal Politecnico entro un anno dalla magistrale

Chi si laurea a Torino ha più probabilità di trovare lavoro.

Lo dice il rapporto 2020 di AlmaLaurea che negli ultimi anni ha intervistato gli ex studenti delle facoltà italiane, presentando al MUR (Ministero dell’Università e Ricerca) il Profilo e la Condizione occupazionale dei laureati.

Su tutti gli atenei coinvolti spiccano UniTo e PoliTo per l’alto tasso di occupazione a seguito della laurea.

Infatti, il 75,9% (il dato più alto in Italia) di chi si laurea presso una facoltà torinese lavora già a un anno dalla fine del percorso di studi. Una cifra che supera la media nazionale confinata al 71,7%.

A 5 anni dal conseguimento del titolo la percentuale sale fino al 90,1%, superando ancora una volta la media dello stivale di 86,8%.

Anche in fatto di retribuzione mensile i laureati di Torino se la cavano bene. Stando alle dichiarazione degli ex studenti, in media si guadagna sui 1506 euro netti (è di 1499 il dato nazionale).

Per chi si ferma alla laurea triennale il tasso di occupazione è del 78,8% a un anno dal conseguimento del titolo (+0,6% rispetto al rapporto relativo all’anno prima). Di questi il 25,7% ha un’occupazione a tempo indeterminato (+ 2,2% rispetto all’anno precedente). Mentre risulta in calo il lavoro part-time, passato dal 29,7% al 25,7%.

Nel complesso, quasi il 60% dei laureati reputa efficace il percorso di laurea scelto.

Chi si laurea a Torino trova lavoro: i dati del Politecnico

I dati del Politecnico sono ancora più rassicuranti. Anche in questo caso chi si laurea a Torino – secondo AlmaLaurea – ha più possibilità di trovare lavoro.

Il tasso di occupazione per chi si è fermato ai primi tre anni è del 78,7%, più alto rispetto al dato nazionale del 74,1%.

Anche se in realtà, la maggior parte degli studenti del Politecnico preferisce completare il percorso di studi con i due anni di magistrale. In questo caso è il 90,5% dei laureati a trovare lavoro a soli 12 mesi dal conseguimento del titolo. Un valore di quasi 20 punti percentuali superiore rispetto alla media nazionale.

Nel rapporto del 2019 era l’88,6%, dimostrando persino la crescita del tasso di occupazione di anno in anno.

A 5 anni dalla laurea magistrale la percentuale arriva a toccare il 92,8%!

La retribuzione che tocca agli ingegneri torinesi è di 1522 euro netti al mese a un anno dalla laurea, mentre può salire a 1766 euro dopo i 5 anni.

Le discipline che incontrano il mondo del lavoro

Il Rapporto di AlmaLaura offre anche uno spunto sull’andamento del mondo del lavoro in rapporto alle discipline affrontate dagli atenei.

In testa si posiziona il ramo di Ingegneria, seguito dalle professioni medico-sanitarie e dall’ambito di Architettura.

Tabella tasso di occupazione per disciplina

Per quanto riguarda le lauree a ciclo unico, svetta il percorso di medicina e odontoiatria che sorpassa agraria e veterinaria e l’ambito chimico-farmaceutico.


PoliTo e UniTo scalano la classifica delle migliori università al mondo: ecco le posizioni

Tag
4907

Related Articles

4907
Back to top button
Close
Close