Articoli HPTerritorio

Coronavirus, il consigliere della Lega: “La Cina deve risarcire il Piemonte”

1067
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il gruppo regionale della Lega propone di fare causa alla Cina per i danni e i morti causati dal Coronavirus. Il Piemonte, come il Missouri e la Nigeria, chiede 20 miliardi al governo cinese

La Cina deve risarcire il Piemonte. Questo l’ordine del giorno presentato nella seduta regionale dal gruppo della Lega quest’oggi.

Il partito di Matteo Salvini si affianca così allo stato del Missouri e agli avvocati nigeriani che hanno presentato una class action contro Pechino per la diffusione del Coronavirus.

In Nigeria il risarcimento richiesto è di 200 miliardi, mentre il Piemonte ne chiede solo 20 di miliardi per tutti i danni subiti, la perdita di vite e il disorientamento sociale provocato dalla diffusione del virus.

È Alberto Preioni, capogruppo della Lega in Piemonte, che chiede l’impegno della giunta nell’attivarsi con ogni mezzo disponibile in questa azione.

Coronavirus, il consigliere della Lega: “La Cina deve risarcire il Piemonte”

“Se le autorità cinesi hanno messo a tacere le voci dell’allarme contagio, – ha detto il rappresentante del partito di destra – dovranno subire le conseguenze”.

Così spinge la Regione a prendere l’iniziativa, senza dover attendere i tempi e la presa di posizione del governo.

In realtà, un po’ in tutto lo Stivale stanno emergendo malcontenti e azioni legali privati contro il governo cinese. Tra i Paesi più colpiti dal covid-19, con più di 200mila casi e 29mila decessi, ora l’Italia cerca risposte.

I dubbi, alimentati dal governo statunitense, riguardano la mancata trasparenza della Cina durante la diffusione del virus, e alcune fazioni la ritengono addirittura responsabile della pandemia. E di tutto ciò che ne consegue.

Tag
1067

Related Articles

1067
Back to top button
Close
Close