Home Articoli HP Piemonte, il pugno duro di Ciro su chi esce di casa: “pronti...

Piemonte, il pugno duro di Ciro su chi esce di casa: “pronti a nuove sanzioni”

Alberto Cirio Piemonte Unità di Crisi
Piemonte, il pugno duro di Ciro su chi esce di casa: "pronti a nuove sanzioni"
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il presidente del Piemonte segue la linea del rigore promossa dal governo e si dice pronto a nuove sanzioni per chi esce di casa senza reale necessità. Sul fronte sanitario annuncia l’aumento di tamponi per individuare i casi di Covid19

Da oggi, mercoledì 26 marzo, entra in vigore il decreto legge 25/03 n.19 firmato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sono previste sanzioni ancor più aspre per chi viola le misure per contrastare il contagio da Coronavirus, con multe fino a 3000 euro.

Di questa linea è anche il Presidente del Piemonte Alberto Cirio, favorevole all’ampliamento della maglia di potere in capo alle regioni previsto dal decreto.

“Continuo a vedere tanta gente in giro, – ha detto ieri sera Cirio appena tornato da Torino – Inaspriremo le sanzioni, ma se non c’è un senso di resposabilizzazioni collettiva diventa difficile riuscire a garantire l’efficacia di queste disposizioni”.

Fino al 3 aprile la regola rimane sempre la stessa: non spostarsi e non uscire di casa. “Valuterò eventuali proroghe – continua Cirio – dipende tutto dalla curva del contagio, che aumenta in maniera più contenuta ma purtroppo ancora preoccupante”.

Aumento dei tamponi: fino a 4mila al giorno

Di fatto, il numero di contagiati continua a salire, così come quello dei decessi: nelle ultime 24 ore l’Unità di Crisi ha registrato 80 vittime in Piemonte.

La situazione Coronavirus in Piemonte

Alberto Cirio adotta la linea dura anche sul fronte sanitario annunciando l’incremento dei tamponi nella nostra regione. “Questa settimana – afferma Cirio – abbiamo in distribuzione nuove macchine, ne abbiamo già messe dieci in attività, che ci permetteranno di raggiungere una potenza di quattromila tamponi al giorno”. Proseguono, in modo graduale, anche i test diagnostici per il personale sanitario piemontese: 55 mila i soggetti coinvolti.