Home Articoli HP All’ospedale Amedeo di Savoia di Torino raddoppiati i posti letti per il...

All’ospedale Amedeo di Savoia di Torino raddoppiati i posti letti per il Coronavirus

All'ospedale Amedeo di Savoia di Torino raddoppiati i posti letti per il Coronavirus
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino raddoppia i posti letto per combattere il Coronavirus


L’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino si attrezza per poter combattere al meglio il Coronavirus.
La struttura ospedaliera è stata la prima in città ad accogliere un caso di COVID-19.

Alla fine del mese di febbraio, infatti, era giunto nel capoluogo piemontese il primo paziente torinese affetto da questa patologia.


Col passare delle settimane, nonostante l’intuizione delle varie ordinanze, si sono moltiplicati i casi di contagio in tutti gli ospedali della nostra città e, in generale, del Piemonte.


Così, l’Amedeo di Savoia ha deciso di correre ai ripari, aumentando i posti letto disponibili per contrastare il virus. All’inizio erano accessibili 58 posti, che sono stati integrati con altri 28 posti (per contagiati ordinari da Coronavirus) e altri 20 in un reparto di terapia subintensiva.

 
È stata dunque superata quota 100 posti letto, con un raddoppio delle disponibilità iniziali.

L’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino uno dei più importanti presidi a tema in città


L’ospedale Amedeo di Savoia di Torino si è dunque trasformato in uno dei primi presidi cittadini contro il Coronavirus.


Un piccolo paradosso, se si pensa che, fino a pochi mesi fa, era data quasi per scontata la chiusura della struttura ospedaliera, a causa dei tagli alla sanità previsti per la riduzione della spesa pubblica.

La presenza di questo ospedale diventa dunque fondamentale, perché serve lo sforzo di tutti per fare fronte a questa emergenza senza precedenti. Il lavoro di medici, infermieri e addetti è stato finora impeccabile, ma occorre lo sforzo di tutti per contenere l’avanzata del virus.