Home Articoli HP Coronavirus, droni su Torino per controllare lo spostamento dei cittadini

Coronavirus, droni su Torino per controllare lo spostamento dei cittadini

Coronavirus Droni Torino
Coronavirus, droni su Torino per controllare lo spostamento dei cittadini (fonte foto: safetysecuritymagazine.com)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Enac dà il consenso: i droni sorvoleranno sulla città di Torino per monitorare lo spostamento dei cittadini e garantire il contenimento del Coronavirus

Droni nei cieli di Torino, ma non è capodanno. L’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ha dato il via libera all’uso in deroga dei piccoli aeromobili per controllare lo spostamento dei torinesi in questo preciso contesto di emergenza sanitaria. Decisione condivisa anche dall’amministrazione, che vuole usare i droni a Torino come misura straordinaria per contrastare il diffondersi del Coronavirus.

A darne comunicazione l’assessore comunale all’Innovazione Marco Pironti, che ha preso il posto di Paola Pisano, attuale ministra per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

Secondo l’accordo con Enac, le forze di Polizia di Torino potranno utilizzare i droni “nell’ambito delle condizioni emergenziali dovute all’epidemia Covid-19”.

“Vorremmo evitare di usare i droni per controllare direttamente i cittadini”, specifica Pironti che progetta il volo esclusivamente in orario serale.

Sorvoleranno delle aree specifiche, come le fermate dei mezzi pubblici, per evitare che si formino assembramenti durante l’attesa di autobus e tram.

Oppure potrebbero passare nei pressi delle isole ecologiche. “In quest’ottica, – spiega Pironti – avere un riscontro dai droni sulle situazioni più critiche potrebbe essere un modo efficace per sanificare gli ambienti a rischio”.