Home Articoli HP Italia: chiuse tutte le attività commerciali non fondamentali

Italia: chiuse tutte le attività commerciali non fondamentali

Discorso Conte
Piemonte: chiuse tutte le attività commerciali non fondamentali.
Tempo di lettura: < 1 minuto

E’ ufficiale: da giovedì 12 marzo a mercoledì 25 marzo, in tutta Italia – e quindi anche in Piemonte – resteranno chiuse tutte le attività commerciali. Escluse quelle di genere alimentari, di prima necessità e le farmacie

E’ questa la decisione arrivata in tardo serata dal Governo, presieduto dal Premier Conte, che ha scelto di varare il decreto lockdown e di accogliere le richieste del governatore della Lombardia Attilio Fontana. E anzi di estendere le nuove severe norme per tutte le Regioni d’Italia.

Una richiesta, quella di abbassare le serrande degli esercizi commerciali e delle aziende, che aveva caldeggiato, in giornata, anche il presidente del Piemonte Cirio.

Sempre in serata, il capo dell’OMS – Tedros Adhanom Ghebreyesus – ha dichiarato il virus COVID-19 una pandemia mondiale. Ha chiesto poi a tutte le nazioni di reagire e attuare politiche più severe per contenere il contagio.

Almeno 15 giorni di stop quasi totale sul modello di quanto fatto in Cina, a Wuhan. Lì le restrizioni hanno cominciato a portare i primi effetti, visto che il numero di decessi è in continua diminuzione.

Cosa prevedono le nuove restrizioni: chiuse tutte le attività commerciali non necessarie

“Non è necessario fare nessuna corsa per acquistare cibo nei supermercati – sottolinea Conte – attività di generi alimentari e di prima necessità rimarranno aperti”. L’unico cambiamento riguarda il fatto che potrà uscire un solo componente per nucleo familiare.

Verranno invece chiusi negozi, bar, pub, ristoranti (ma con la possibilità di fare consegne a domicilio). E ancora: parrucchieri, centri estetici e tutti quei servizi che non garantiscono il metro di sicurezza.

Verrà inoltre incentivato lo smartworking, cioè il lavoro da casa, e se non si potesse attuare si invitano le aziende a concedere ferie, congedi retribuiti, o eventualmente protocolli di sicurezza che proteggano i lavoratori.

Garantiti i trasporti: i mezzi pubblici continueranno a viaggiare, sempre nel rispetto delle normative igienico-sanitarie.

“Se saremo tutti a rispettare queste regole – chiude Conte – usciremo più in fretta da questa emergenza”.

Guarda il video del discorso del Presidente Conte

La situazione Coronavirus in Piemonte: il numero di contagi e di decessi

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI