Home Articoli HP Sequestro di carni a Torino: denunce e sigilli per tre macellerie in...

Sequestro di carni a Torino: denunce e sigilli per tre macellerie in città e provincia

Sequestro di carni a Torino: denunce e sigilli per tre macellerie in città e provincia
Sequestro di carni a Torino: denunce e sigilli per tre macellerie in città e provincia
Tempo di lettura: 2 minuti

Sequestro di carni a Torino: venivano trattate con il bisolfito di sodio, una sostanza che le faceva sembrare fresche traendo in inganno la clientela

Importante operazione di sequestro di carni a Torino.
Sequestro di carni a Torino: denunce e sigilli per tre macellerie in città e provincia
Sequestro di carni a Torino: denunce e sigilli per tre macellerie in città e provincia
carabinieri del Nas, in collaborazione con i tecnici del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’ASL di Torino, hanno raccolto 52 campioni di carne tritata di bovino adulto per analizzarla.
Ispezioni e controlli sono avvenuti intorno alla metà dello scorso mese di luglio in 53 attività.
Dopodiché I campioni sono stati inviati all’Istituto Zooprofilattico di via Bologna, a Torino per essere analizzati.
Dalle analisi è emerso che alcuni punti vendita utilizzavano delle sostanze per rendere la carne più fresca e “colorata”.
Così è partita l’inchiesta della magistratura per i reati di contraffazione di sostanze alimentari e vendita di “sostanze alimentari non genuine come genuine”.
Tre le macellerie ad essere poste sotto sequestro preventivo, in quanto i titolari avrebbero messo in vendita carne bovina eccessivamente trattata con diversi solfiti, bisolfito di sodio e altri additivi per far sembrare più fresca la carne.
Inoltre, sono state inflitte diverse sanzioni amministrative.
Dai controlli è risultato che il 30% delle macellerie ispezionare avevano in vendita carni trattate con l’additivo che di norma viene utilizzato come conservate nel settore alimentare, nonché come agente decolorante e ossidante, ovviamente con diversi livelli di concentrazione.
Torino sono arrivati i sigilli per la Macelleria Celoria di via Mazzini 25 e per la Macelleria Marca di piazza Bengasi 13.
La terza attività posta sotto sequestro è la Macelleria Targa di Grugliasco.
Nel complesso, sono stati sequestrati ben 568 chili di carne per un valore complessivo di circa 700mila euro.
Inoltre, nel corso delle ispezioni, i carabinieri hanno scoperto degli alimenti in cattivo stato di conservazione e invasa da insetti nella Macelleria e Braceria “Givoletto Carni” di Givoletto, sempre nel Torinese. I titolari sono stati segnalati alla procura.
Dunque, grazie ai controlli effettuati dalle forze dell’ordine, è stato possibile sequestrare dei prodotti trattati con sostanze non salutari che sarebbero arrivati sulle tavole dei torinesi.
(Foto tratta da ANSA.it)
Correlato:  Al via Il Ciclo de "I Caffè Letterari 2019", tanti appuntamenti con tematiche attuali e interessanti