Home Articoli HP Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006: il nuovo simbolo vede sostenibilità...

Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006: il nuovo simbolo vede sostenibilità e resilienza

Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006: il nuovo simbolo vede sostenibilità e resilienza
Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006: il nuovo simbolo vede sostenibilità e resilienza
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006: “Torino non sta mai ferma” lascia il posto al nuovo simbolo ispirato al Piano 2030 e che presenta come parole parole chiave sostenibilità e resilienza

Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006.
Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006: il nuovo simbolo vede sostenibilità e resilienza
Torino saluta lo slogan delle Olimpiadi 2006: il nuovo simbolo vede sostenibilità e resilienza
La giunta Appendino ha detto ufficialmente addio allo slogan adottato dalla città durante i giochi olimpici invernali di tredici anni fa.
Il vecchio slogan giallo-blu “Torino non sta mai ferma”, composto da persone in movimento, lascia il posto al nuovo claim “Torino Sostenibile – Resiliente”.
Quindi, il nuovo simbolo presenta come parole chiave sostenibilità e resilienza che sono alla base del programma di coesione visiva dei cantieri, nato sotto il segno della sostenibilità economica, energetica e ambientale.
La volontà di rinnovare la narrazione dei lavori presenti in città nasce anche dall’arrivo, nel 2021, delle Atp Finals, il prestigioso torneo di tennis che chiude la stagione del tennis maschile con gli otto migliori giocatori del mondo dell’anno solare.
L’ambiente urbano, i cantieri e le aree dei lavori costituiscono un momento significativo della sostenibilità prevista dal Piano 2030.
Dunque, con questo cambio si vuole dare anche un messaggio simbolico per andare avanti e lasciarsi alla spalle le Olimpiadi 2006 per abbracciare un futuro fatto di innovazione e tecnologia.
Correlato:  I droni di San Giovanni cancellano tutti gli eventi in piazza Castello di pomeriggio e sera