Home Articoli HP Castello di Moncalieri, firmato l’accordo per la riapertura parziale: ora si pensa...

Castello di Moncalieri, firmato l’accordo per la riapertura parziale: ora si pensa a un biglietto d’ingresso

Tempo di lettura: 1 minuto

Riapre in parte il Castello di Moncalieri: alcune aree del maniero torneranno ad essere visitabili dal pubblico e saranno gestite dai militari

Lo scorso martedì 14 maggio, il Comune di Moncalieri e l’Arma dei Carabinieri hanno firmato il protocollo d’intesa con il quale, da giugno, alcune parti del maniero sotto la gestione dei militari torneranno ad essere visitabili dal pubblico.
Inoltre, l’accordo prevede la possibilità di rendere questi spazi disponibili per eventi culturali e sociali.
Il documento riguarda esclusivamente le parti del Castello gestite dall’Arma, ovvero, il Salone della Regina, la Cavallerizza, le foresterie, gli infernotti, le sale dell’ufficio comando, la piazza d’Armi e il giardino all’italiana.
L’obiettivo del progetto è quello di riqualificare gradualmente altre porzioni dell’edificio attualmente chiuse come la sacrestia e i sotterranei, contando anche sull’aiuto di eventuali privati.
Infatti, gli appartamenti reali e le sale auliche sono chiuse dall’inizio dell’anno, ma sulla scrivania del sindaco di Moncalieri Paolo Montagna è arrivata una proposta di accordo per la valorizzazione della residenza sabauda patrimonio Unesco.
Il documento contiene quelle che potrebbero essere le linee guida per la riapertura delle stanze auliche.
L’accordo di valorizzazione è finalizzato alla riapertura degli appartamenti della principessa Maria Letizia, di Re Vittorio Emanuele II e della Cappella Reale.
Per consentire l’ingresso dei turisti è stata stimata una spesa di 250mila euro, cifra che dovrà essere suddivisa tra i diversi firmatari dell’accordo.
Il Consorzio delle Residenze Reali dovrebbe farsi carico degli oneri maggiori, ma in compenso incasserebbe il ricavato delle vendite dei biglietti.
Inoltre, sempre secondo la bozza dell’accordo, il Castello sarà aperto tre giorni alla settimana, ma le visite resteranno gratuite solo per le scuole.
Infatti, si sta valutando l’ipotesi di introdurre un ticket da 5 euro per l’ingresso.
Il Castello ha chiuso lo scorso 28 febbraio, un anno dopo la sua riapertura, avvenuta all’inizio del mese di novembre del 2017. Alla fine del 2018 il polo museale in provincia di Torino si è ritrovato a fare i conti con grosse difficoltà derivanti dalla carenza di personale. I pochi lavoratori distribuiti tra accoglienza e sorveglianza, erano in netta inferiorità rispetto al numero minimi per offrire un servizio adeguato.
Pertanto, il Castello, ente collegato al Mibac, ne aveva disposto la momentanea chiusura.
In attesa della firma dell’accordo, è già in programma una nuova apertura della Castello per il 16 giugno, data in cui il maniero ospiterà l’arrivo delle Maratone Reali.
Dunque, nella giornata della Festa della Repubblica, il Castello di Moncalieri, tesoro dal valore inestimabile e gioiello del nostro territorio, tornerà ad aprire le porte ai turisti.
Correlato:  Città della Salute, gli ospedali torinesi parlano la stessa lingua