Home Articoli HP Pedonalizzazione di via Borgo Dora, il Comune ha dato il via libera...

Pedonalizzazione di via Borgo Dora, il Comune ha dato il via libera al progetto

Pedonalizzazione di via Borgo Dora, il Comune ha dato il via libera al progetto
Pedonalizzazione di via Borgo Dora, il Comune ha dato il via libera al progetto
Tempo di lettura: 1 minuto

Pedonalizzazione di via Borgo Dora, il Comune ha dato inizio all’iter per la realizzazione del progetto

Il Comune ha dato il via libera al progetto di pedonalizzazione di via Borgo Dora.
Si tratterà di una micro pedonalizzazione che interesserà il tratto compreso tra via Goffredo Mameli corso Giulio Cesare.
La proposta è nata durante la Settimana Europea per la Mobilità Sostenibile delle scorso anno ed è stata appoggiata da una raccolta firme a cui hanno aderito 300 persone tra residenti e commercianti.
La Città di Torino ha accolto questa proposta e il progetto, messo a punto dagli uffici tecnici, ha già avuto il parere favorevole della Circoscrizione 7.
Tra le ragioni che hanno spinto il Comune a prendere in considerazione il progetto, ci sono la sicurezza stradale e pedonale.
Infatti, questo tratto di via Borgo Dora viene spesso utilizzato come scorciatoia per evitare il traffico di Porta Palazzo, ma considerate le caratteristiche delle strade, strette e sinuose, e la presenza di numerose scuole, il pericolo di investimenti e di incidenti è molto alto.
Nei prossimi mesi si procederà con l’installazione di elementi di arredo urbano come fioriere e archetti porta biciclette.
Inoltre, non si esclude per il futuro, l’intera pedonalizzazione del borgo.
Le modifiche alla viabilità dell’area porterà via quel luogo di incontro e di aggregazione creato da quel gruppo di vie e, proprio per questo motivo, si intende procedere con la completa pedonalizzazione per restituire ai cittadini questo spazio.
Dunque, un’altra zona di Torino si appresta a diventare pedonale per una città sempre più a misura di pedoni e bambini.
Correlato:  Automotoretrò, al Lingotto si festeggiano i 60 anni di Lambretta e Fiat 500